Home / Etichette & Prodotti / Grom: il gelato senza additivi migliore del mondo! La storia non è proprio così e secondo noi si tratta di pubblicità scorretta

Grom: il gelato senza additivi migliore del mondo! La storia non è proprio così e secondo noi si tratta di pubblicità scorretta

grom espresso
In un servizio pubblicato l’11 luglio sull’Espress a Federico Grom l’imprenditore dichiara di produrre il gelato più buono del mondo !

“Il nostro gelato è più caro degli altri ma oggi nessuno usa ingredienti di qualità come noi. Non per niente come abbiamo detto fin dall’inizio il nostro gelato è il più buono del mondo”.

È  la frase riportata in un servizio pubblicato l’11 luglio sull’Espresso in un’intervista di  Stefania  Rossini a Federico Grom, uno dei due imprenditori prodigio che hanno esportato il gelato italiano nel mondo e che oggi gestiscono 65 punti vendita.

Senza nulla togliere ai due imprenditori di successo, forse la frase è stata detta in un momento di eccessiva euforia. Ho conosciuto diverse gelaterie artigianali e penso di sbagliarmi poco quando dico che Grom vende un cono buono ad un prezzo esagerato. Pagare per due palline 3 euro mentre a Milano lo scontrino medio è di 2,50 è una forzatura non correlata a riscontri qualitativi. Trovare un gelato migliore non è difficile, la gelateria sotto casa mia a Lambrate costa meno ed è sicuramente migliore.

 

grom additivi
Grom non utilizza coloranti, aromi, conservanti e additivi chimici, è la frase che appare sui muri delle gelaterie. Ma è propro vero?

Utilizzare ottimi ingredienti – come dichiara Grom – non vuol dire necessariamente fare il gelato migliore, questa equazione non ha senso. Basta  ricordare che la miscela viene preparata a Mappano in Piemonte, congelata è trasferita nei vari punti vendita per essere mantecata e messa in vaschetta. Chiunque conosca il gelato artigianale sa che Grom è una catena molto efficiente quando bisogna fare marketing, ma che si tratta  di una struttura industriale in grado di produrre  il migliore gelato simile a quello artigianale. C’è un altro elemento che considero una forma di pubblicità scorretta. La frase  scritta a caratteri cubitali sulle pareti di alcune gelaterie (Grom non utilizza coloranti, aromi, conservanti e additivi chimici. Non lo  abbiamo mai fatto e non lo faremo mai) non credo sia veritiera.

Chi legge quelle parole pensa che sia possibile fare il gelato senza coloranti e senza aromi senza additivi.  Non è vero. Il gelato si può fare senza coloranti e senza aromi, ma alcuni additivi sono necessari altrimenti la miscela non diventa cremosa.

 

Grom listino
Pagare per due palline di gelato 3 euro mentre a Milano lo scontrino medio è di 2,50 è una forzatura non correlata a riscontri qualitativi

 

La farina di semi di carrube che usa  Grom e centinaia di gelaterie artigianali è un additivo classificato a livello europeo nella categoria degli addensanti. Grom dice di usare  la vera farina mentre le altre gelaterie usano l’additivo ottenuto con processi aggressivi! Si tratta di un’interpretazione fantastica e curiosa che farebbe fatica ad essere accettata da un professore di tecnologie alimentari. La farina di semi di carrube si ottiene solo dal frutto dell’albero e, secondo l’Unione europea, è un additivo da indicare con il nome oppure con la sigla E 410. Non esistono altre interpretazioni ammissibili.

A questo punto ci sono altri interrogativi che vorremmo capire. Ci piacerebbe sapere se tra gli ingredienti di alcuni gelati di Grom si trova la pectina (E440), l’acido ascorbico come antiossidante e l’acido citrico nell’amarena (E330). Perchè il “gelato migliore del mondo” utilizza delle furberie per screditare il vero gelato artigianale che usa gli stessi suoi additivi?

 

P.S: Un anno fa Grom aveva proposto a Il Fatto Alimentare di fare una prova cieca di degustazione, ma poi il progetto non è andato avanti.

Roberto La Pira

 

 

 

 

 

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

finti gamberi new wave foods

Non solo carne, arriva la carica del finto pesce vegetale: dai falsi gamberi al tonno senza tonno

Dopo la carne, il pesce è il grande settore nel quale si stanno affacciando sempre …

48 Commenti

  1. Avatar

    Aggiungerei una considerazione. In molte gelaterie ci sono cartelloni che inneggiano a Mura Mura, la tenuta agricola di proprietà di Grom dove (cito a memoria) si coltivano cultivar particolari di meloni, pesche, albicocche, fichi.
    Ora, Mura Mura ha un’estensione (dichiarata da Grom) di 15 ettari. Tenuto conto della resa media per ettaro di aziende così piccole, e della molteplicità di frutta che viene coltivata, la produzione di Mura Mura non può coprire che una quota molto piccola del fabbisogno di frutta di Grom. E invece il messaggio – implicito, sia ben chiaro, che i signori Grom e Martinelli sono attenti a non violare formalmente la legge – è che tutta la frutta, o gran parte di essa, utilizzata nella produzione dei gelati Grom viene appunto da Mura Mura.

    Riguardo alla qualità del gelato, c’è una gelateria a Milano che riesce a fare il gusto “fragoline di bosco e vino rosso” senza additivi, e dove il fior di latte sa davvero di latte e nient’altro. Il gelato costa di più che da Grom, ma ne vale davvero la pena.

    • Avatar

      esatto x la legge dei numeri è impossibile calcolando che x fare 1kg di gelato alla frutta ci vuole 400-600g di frutto…e se la coltivazione subisce dei danni causati dal meteo come ci sta x qualsiasi agricoltore che fanno …niente pesche,pere…

  2. Avatar

    Anch’io mi lamentavo del prezzo, poi sono andata in Irlanda, dove ti chiedono 3 € per 1 pallina (!!!). Allora 3 € per due palline di qualità me li posso concedere 🙂

  3. Avatar

    BUONA GIORNATA

    Da quello che va dicendo, sin dall’inizio, Federico Grom, dà l’impressione che abbia frequentato qualche master di Mediaset.
    Le “spara” così bene e così convinto che molti giornalisti – quelli che si sono presi la briga di onorarlo di un’intervista – hanno creduto alle sciocchezze in cui crede e che racconta.
    Ho conosciuto molti gelatieri italiani e stranieri, molto bravi a produrre gelato, e solo il 10% di questi si può dire che producono il vero gelato artigianale (partendo da una base di ingredienti puri: latte, uova, zucchero, frutta ecc.).
    Il processo del gelato artigianale richiede, come produzione, una quantità minima o ragionata per ogni gusto in quanto non reggerebbe nelle carapine nemmeno mezza giornata. Questo è il gelato senza nulla aggiunto (come dichiara Grom).
    Il mio gelatiere di Campo San Tomà, a Venezia, 50 anni fa, il gelato lo faceva proprio così; ma durava sino alle 17.00, non solo perché era naturale. Era anche buono.

  4. Avatar

    scusate, io da Grom non ci vado; preferisco andare in una gelateria artigianale dove conosco chi lo produce e cosa usa. A Treviso una pallina di gelato mediamente costa 1,20€, Grom la fa pagare 2,50€. e se i prodotti arrivano dal Piemonte semi lavorati e congelati quello venduto a Treviso non è molto artigianale.

    • Avatar

      da guido:
      “…dove conosco chi lo produce e cosa usa.”, quindi vuoi dire che hai letto la lista degli ingredienti e ti sei accertato che non ci fossero scritte del tipo:
      – grassi vegetali
      – grassi idrogenati
      – mono e digriceridi degli acidi grassi
      – esteri dei mono e digriceridi degli acidi grassi
      – Esteri Saccarosici degli Acidi grassi
      – alginato di sodio
      – Carbossimetilcellulosa
      giusto? Perche’ altrimenti proprio non ci siamo.

    • Avatar

      @Selenia
      Non sono una esperta ma ho letto che l’alginato di sodio è un sale estratto dal liquido viscoso delle pareti cellulari di alcuni tipi di alghe. “Abbastanza naturale” direi…
      Ho l’impressione che se vogliamo un gelato davvero naturale, disponibile a tutte le ore, sia meglio farselo in casa.
      Ripeto, a Milano, gelaterie così si contano, se si riesce, sulle dita di una mano. (Tacendo il fatto che la maggioranza non espone in bella evidenza e in caratteri grandi la lista degli ingredienti… in alcuni casi si trova dietro il bancone o in un cassetto!)

  5. Avatar
    Giovanni Parisi

    Brava Selenia , ma secondo me è come dici tu che non ci siamo proprio!!

  6. Avatar

    Per quanto mi riguarda le gelaterie Grom sono soltanto figlie di un buono sponsor.Gli artigiani ed i veri prodotti artigianali sono ben altro… trovo i due personaggi semplicemente dei buoni promoter di se stessi,di gran lunga lontani dalla piccola realtà imprenditoriale italiana.E comunque di buoni gelati artigianali se ne possono gustare veramente molti, a Milano e non solo.

  7. Avatar

    la non conoscenza della produzione del gelato porta a notevoli dubbi, ma se volessi fare un gelato senza aggiunta di additivi alimentari dovrei fare o una granita acqua frutta e zucchero oppure limitarmi a gelati con uovo perché l’uovo contiene la lecitina emulsionante naturale e le proteine del latte si rigonfiano con una funzione addensante (esempio dell’uovo sodo che fornendo calore le proteine si rigonfiano fino a solidificare).

  8. Avatar

    Tempo addietro ho fatto la fila in centro a Roma,per degustare il gelato di Grom.
    Niente da dire sul marketing, ma il gelato(gusto crema) non mi è piaciuto affatto.
    La mia ricetta di crema antica gli prende una pista ed è sicuramete senza additivie senza polveri strane.
    Il costo poi, una pallina da fare incastonare da un famoso gioielliere di via Condotti.
    Ma quale gelato migliore al mondo; bravi per il marketing, null’altro.

  9. Avatar

    Il gusto caramello al sale è il top! Peccato non sia un gusto “perenne”!

  10. Avatar

    Anche io ho fatto la fila a Roma qualche mese fa per assaggiare il gelato di Grom e francamente non l’ho trovato un gran che. Quando ho capito che non si trattava di un artigiano ma di una catena di negozi, il cerchio si è chiuso. Di solito poi diffido di chi si autocelebra, addirittura con la vendita della loro biografia nelle gelaterie … ottimo marketing.