Home / Lettere / Il vero grissino torinese non prevede la presenza di olio vegetale nell’elenco degli ingredienti. Bocciata l’etichetta di Gastaldino

Il vero grissino torinese non prevede la presenza di olio vegetale nell’elenco degli ingredienti. Bocciata l’etichetta di Gastaldino

grissini torinesi
I grissini di Gastaldino sono preparati con oli vegetali, per questo non possono essere classificati come veri “torinesi”

Cara redazione, vi leggo sempre e vorrei porvi un quesito sull’etichetta dei grissini Gastaldino che ho fotografato l’altro giorno in una pizzeria. La scritta sul frontespizio cita i “veri grissini torinesi” e questo mi lascia perplesso perché nell’elenco degli ingredienti ci sono sostanze  poco in sintonia con la tradizionale ricetta dei grissini torinesi.

Pietro

 

Risponde Dario Dongo avvocato esperto di diritto alimentare.

Caro Pietro,

il problema riguarda le produzioni tipiche legate al territorio come i grissini di cui parla e i tanti  prodotti che vantano sull’etichetta un  legame con la tradizione culinaria locale. Il nostro commento nei confronti di un asserito “vero grissino torinese” non può essere tenero per diverse ragioni:

1) il riferimento geografico a Torino è anzitutto smentito dalla sede dello stabilimento riportata in provincia di Milano (Cesate)

2) a maggior onta, si osa riferire alla “più genuina tradizione torinese” un grissino che in lista ingredienti riporta il 4,5% di indefiniti “grassi vegetali”. La natura di tali grassi dovrà venire specificata, inderogabilmente, a partire dal 14.12.14 (si veda ebook L’Etichetta). Già ora peraltro si può facilmente dedurre una netta discordanza del citato ingrediente con le tradizioni non solo torinesi, ma pure italiane. Gli “oli vegetali” in questione sono con ogni probabilità grassi tropicali ricavati dalla palma, oppure soia, colza o mais. Tutte colture che sfuggono alla “tradizione italiana”, è certo.

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) dovrebbe forse esprimere giudizio sulla correttezza di queste indicazioni.

 

Dario Dongo

©Riproduzione riservata

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

intestato a Ilfattoalimentare.it di Roberto La Pira indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

cappello FIPGC pasticceri italiani febbraio 2018

Perché i cuochi del ristorante di Padova non portano il cappello? Lo chiede un lettore

Ho visitato Padova come turista dieci giorni fa. Bellissima città d’arte. Per due sere sono …

Un commento

  1. Avatar

    Grazie al lettore: bisogna tenere alta la guardia e denunciare casi simili.
    E grazie al FattoAlimentare per la netta risposta.