Home / Nutrizione / Gravidanza e alimentazione: le donne incinte italiane come mangiano? Non come dovrebbero. I risultati di un indagine del Crea

Gravidanza e alimentazione: le donne incinte italiane come mangiano? Non come dovrebbero. I risultati di un indagine del Crea

latte donna incinta gravidanzaLe donne italiane durante la gravidanza non mangiano come dovrebbero. Lo rivela una ricerca svolta dal Crea, nell’ambito del progetto internazionale Supre (International survey on food supplements: consumption, attitudes and understanding of the health effects by pregnant women), i cui risultati sono stati presentati al congresso “Shaping the Future of Pediatrics” all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

L’indagine è stata condotta utilizzando un mezzo inconsueto: Facebook. Attraverso un questionario 557 donne in gravidanza hanno risposto a 45 domande sulle abitudini alimentari, sullo stile di vita e sull’uso di integratori. Così si è scoperto che quasi 9 donne su 10 (89,8%) non consumano le famose cinque porzioni di frutta e verdura raccomandate, l’83% non mangia abbastanza pesce e il 15% non assume gli integratori alimentari raccomandati in gravidanza (per esempio, quelli di acido folico).

“I dati sono preoccupanti – spiegano Stefania Ruggeri e Laura Censi, ricercatrici del Crea e coordinatrici dello studio – perché, anche un in momento importante come quello della gravidanza, le donne non si alimentano in modo corretto. La buona alimentazione in questo periodo della vita è fondamentale non solo per l’esito della gravidanza ma anche per le basi della salute del bambino e dell’adulto”.

Durante la gravidanza, infatti, le donne dovrebbero consumare tre o quattro porzioni di verdura e due o tre di frutta ogni giorno, che contribuiscono a soddisfare il fabbisogno di vitamine e minerali, aumentato dalle richieste del bambino, e di acqua. Inoltre, le donne incinte dovrebbero consumare due o tre porzioni di pesce alla settimana per garantire il giusto apporto dell’acido grasso essenziale DHA, importante per lo sviluppo del sistema nervoso del bambino. Bisogna ricordare, però, di limitare il consumo di pesci di grossa taglia, perché possono contenere quantità elevate di mercurio.

Nella dieta di una donna incinta, poi, non devono mai mancare i cereali integrali e i legumi, che sono importanti fonti di fibre e folati. Al contrario, l’alcol deve essere completamente evitato. Per aiutare le donne in gravidanza a gestire la propria alimentazione (e non solo) l’Ospedale Bambino Gesù ha creato, con la collaborazione del Crea, il sito “Mamma in forma”, dove basta registrarsi per ricevere i consigli degli esperti.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Raw meat beef steak on black top view.

Dietro lo studio a favore della carne rossa spuntano legami con la lobby alimentare. La scoperta del New York Times

Il New York Times smonta lo studio che sembrava attenuare, se non negare, il legame …

Un commento

  1. Avatar

    Riguardo all’alcool bisognerebbe essere molto più incisivi nello sconsigliarne l’assunzione anche prima del concepimento , ci sono montagne di studi che indicano che gli effetti dannosi del bere alcolici si protraggono per mesi anche dopo aver smesso di assumerli e sono un serio pericolo per il feto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *