Home / Etichette & Prodotti / Granarolo acquisisce il 51% di White & Seeds, start-up specializzata in prodotti proteici

Granarolo acquisisce il 51% di White & Seeds, start-up specializzata in prodotti proteici

Granarolo, prodotti White & SeedsBen un quarto del fatturato di Granarolo deriva da prodotti considerati innovativi, tra questi, un’attenzione particolare è riservata ai cosiddetti alimenti salutisti e funzionali. Quest’attenzione è focalizzata soprattutto sui mercati emergenti e non solamente nell’ambito di latte e latticini. Si pone in questa logica anche l’acquisizione della start-up innovativa White & Seeds, specializzata nella vendita di prodotti proteici, adatti agli sportivi e, comunque, miranti a garantire un apporto nutritivo ben bilanciato. L’azienda acquisita, nata nel 2019 dall’idea di due giovani, vende attualmente sia tramite canali specializzati come Cortilia e Eataly, sia tramite insegne generaliste, come Conad e Sigma, sviluppando un fatturato di oltre 100 mila euro. La sua offerta comprende una vasta scelta di alimenti pronti, adatti soprattutto per colazioni e spuntini, dagli yogurt arricchiti alle barrette, dai muesli alle creme spalmabili proteiche, ma anche porridge e altri.

L’accordo, annunciato lo scorso 3 maggio, prevede in una fase iniziale l’acquisizione del 51% di White & Seeds, con la possibilità di raggiungere il 100% nei prossimi anni. Il gruppo Granarolo, sempre  attivo su nuovi prodotti, come i sostituti vegetali del latte e della carne (quest’ultima con Unconventional Burger), è anche impegnato nel sostegno di start-up con l’acceleratore multiazienda Agrifood Bic. Granarolo metterà a disposizione della giovane White & Seeds la sua capacità di ricerca e sviluppo, i suoi stabilimenti, la rete commerciale e logistica. Da parte del gruppo bolognese, si tratta di un’espansione in mercati che stanno vivendo una fase di crescita come quello delle barre proteiche, dessert e bevande a lunga conservazione.

© Riproduzione riservata; Foto: AdobeStock, White & Seeds

Il Fatto Alimentare da 12 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Chiara Cammarano

Guarda qui

Asparagi: è ancora ignoto l’elemento che dalla pianta trasferisce il caratteristico odore alle urine

Gli asparagi, un genere che comprende 150 specie, tra le quali c’è l’Asparago officinalis L., …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *