Home / Nutrizione / Frutta nelle Scuole, a un mese dalla fine delle lezioni la distribuzione non è ancora partita. L’articolo di Mirko Aldinucci su Italiafruit News

Frutta nelle Scuole, a un mese dalla fine delle lezioni la distribuzione non è ancora partita. L’articolo di Mirko Aldinucci su Italiafruit News

bambino mela merendaContinuano i problemi per Frutta nelle Scuole, l’iniziativa europea per incentivare il consumo di frutto a merenda. Da quando il programma è partito, Il Fatto Alimentare ha documentato più volte la consegna ai bambini di frutta fuori stagione, troppo acerba per essere mangiata, marcia o ammuffita (l’ultima volta meno di un anno fa). Quest’anno, invece, a un mese dalla fine delle lezioni, la distribuzione della frutta nelle scuole non è ancora partita (inizierà il 6 maggio), come racconta l’articolo di Mirko Aldinucci su Italiafruit News, che riprendiamo integralmente.

Frutta nelle Scuole, ancora tutto fermo. Manca poco più di un mese all’ultimo suono delle campanelle negli istituti primari della penisola e la distribuzione non è partita. Problemi burocratici, conflitti di competenze, ruoli chiave “scoperti”: difficile capire e spiegare i motivi per cui il programma comunitario rischia di concludersi, per il 2018/19, con un clamoroso nulla di fatto. E con la perdita di almeno una parte dei fondi Ue destinati al progetto: per il periodo primo agosto 2017-31 luglio 2023 il budget destinato all’Italia ammonta a 107,7 milioni di euro, 20,9 milioni dei quali relativi all’attuale “esercizio”. Le risorse coprono fino al 70% del costo dei progetti che possono poi essere cofinanziati con un 30% di risorse nazionali. I tempi lunghi sono confermati dal sito internet del Mipaaft, in cui si legge che il decreto di nomina della commissione aggiudicatrice incaricata di verificare la documentazione relativa alle offerte pervenute per il 2018/19 risale ad appena due settimane fa, il 15 aprile.

Anche in passato si erano verificati ritardi a causa di una serie di criticità oggettive (disponibilità amministrativa delle risorse finanziarie solo nel periodo autunnale, tempi lunghi del bando di gara europeo emanato ai sensi del codice degli appalti, particolare complessità del capitolato tecnico e dei relativi criteri tecnici, ritardi delle adesioni degli istituti scolastici…), ma mai si era arrivati a maggio con le bocce ancora ferme. Per rientrare nei parametri del bando (che prevederebbe una sessantina di distribuzioni) la scorsa estate erano state organizzate distribuzioni straordinarie in occasione di eventi sportivi e non. A una ventina di giornate di lezioni dal termine dell’anno scolastico il sistema, questa volta, sembra chiamato a una mission impossible.

Mirko Aldinucci – Italiafruit News

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Overweight business man eating with appetite a burger holding a can of soda drink

Troppi alimenti ultra-trasformati sono un rischio per la salute del cuore. Il monito dei cardiologi americani

Gli alimenti ultra-trasformati hanno un impatto significativo sulla salute globale del cuore, e per questo …