Home / Supermercato / Frutta e verdura brutta, ma buona a prezzi scontati. Successo dell’iniziativa dei supermercati francesi Intermarché

Frutta e verdura brutta, ma buona a prezzi scontati. Successo dell’iniziativa dei supermercati francesi Intermarché

arancia frutta e verdura
La pubblicità dell’iniziativa francese

Per combattere il caro vita e lo spreco alimentare, che ha una delle sue cause nella diffusa convinzione di supermercati e consumatori che la perfetta forma di frutta e verdura corrisponda a una migliore qualità, la catena francese Intermarché ha deciso di mettere in vendita, a prezzi scontati del 30%, anche quelli dalle forme più strane o di dimensioni inadeguate o eccessive, apparentemente brutti, quelli definiti “senza gloria”. In un’area loro dedicata, si trovano peperoni bitorzoluti, carote a due e tre punte, mele siamesi, che rappresentano il 40% della produzione in Francia e che solitamente, al momento della raccolta, finiscono tra i rifiuti.

 

Nei primi due giorni dell’iniziativa è stata venduta una quantità di frutta e verdura pari a  1,2 tonnellate per ogni negozio Intermarché, grazie anche a una campagna di comunicazione dove si vedono una carota demotivata, una clementina introversa e una mela rifiutata che recitano come se fossero umani. Denominata “Les Fruits & Légumes Moches”, la campagna della catena francese vuole “offrire una seconda possibilità a frutti e verdure abbandonati da tutti, a causa del loro aspetto sgradevole. Trascurati e discriminati, sono buoni come gli altri!”.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

 

 

 

 

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Glass jar of sauce in the hands of the buyer. Sauce in the hands of the buyer at the grocery store

Stop alle aste sul cibo con il sistema del doppio ribasso: serve una legge contro le pratiche sleali che favoriscono il caporalato. L’appello di Terra!

Vietare per legge le aste al doppio ribasso sui prodotti agroalimentari. Lo chiede l’associazione Terra! …