Home / Controlli e Frodi / Frodi alimentari, il pesce tra i prodotti più a rischio. Il video dell’IzsVe

Frodi alimentari, il pesce tra i prodotti più a rischio. Il video dell’IzsVe

Come possiamo essere sicuri che il filetto di tonno comprato in pescheria sia davvero fresco? O che il merluzzo nel nostro piatto sia davvero merluzzo? Le frodi alimentari ogni anno causano un danno economico che può arrivare fino a 12 miliardi di euro, e i prodotti ittici sono una delle categorie più a rischio. Per questo l’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie ha dedicato al tema un video informativo della serie ‘IZSVe Scienza’

Le frodi nel settore ittico riguardano soprattutto l’etichettatura dei prodotti provenienti dal Sudest asiatico, in particolare cefalopodi, crostacei e pesci, e possono comportare anche rischi per la salute dei consumatori, ad esempio nel caso in cui siano presenti allergeni non dichiarati, tossine o prodotti della degradazione, come l’istamina. Eventualità tutt’altro che remote.

I tipi di frodi alimentari più comuni sono la sostituzione di specie ittiche e la vendita di prodotti decongelati spacciati per freschi. La lotta alle frodi però non si limita solo a queste due tipologie di illeciti, ma comprende anche molto altro, come l’identificazione di specie velenose, alla valutazione delle zone di provenienza dichiarate, il riconoscimento di trattamenti con additivi vietati, l’analisi per la presenza di allergeni e la verifica della tutela delle specie protette, utilizzando tecniche analitiche sempre più sofisticate.

Ecco il video dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie:

© Riproduzione riservata Video: IZSVe

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Nas: sequestro di olio nel leccese per un valore di 30 mila €. A Bologna bloccati 13 mila kg di cibi scaduti

I Carabinieri del Nas di Lecce – riferisce Teatro Naturale – nell’ambito di una serie …