Home / Controlli e Frodi / Frode alimentare: negli USA il 79% degli integratori delle quattro aziende leader contiene erbe differenti da quelle indicate. Aglio al posto di ginseng

Frode alimentare: negli USA il 79% degli integratori delle quattro aziende leader contiene erbe differenti da quelle indicate. Aglio al posto di ginseng

Cod liver oil omega 3 gel capsules Frode alimentare
Frode alimentare: ngli Usa il 79% degli integratori non contiene quando dichiarato in etichetta

Negli States è scoppiata una frode alimentare per gli integratori a base di erbe. Secondo l’ufficio del Procuratore generale dello Stato di New York il 79% dei prodotti delle quattro aziende leader non contiene gli ingredienti indicati in etichetta o ne ingloba altri, non dichiarati. È quanto ha scoperto dopo l’analisi del Dna degli integratori commercializzati dai quattro maggiori rivenditori dello Stato – GNC, Target, Walgreens e Walmart. In seguito alle indagini ai  rivenditori  è stato intimato di sospendere la vendita, perché le diciture sono ingannevoli e costituiscono un pericolo inaccettabile per la salute, soprattutto per chi soffre di allergie. La percentuale più significativa di non corrispondenza tra etichetta ed effettivo contenuto è stata rilevata negli integratori venduti dalla catena di grandi magazzini  Walmart (solo il 4% contiene le specie botaniche indicate in etichetta). I quattro rivenditori dovranno anche spiegare quali procedure adottano per controllare  l’effettivo contenuto che gli integratori a base di erbe riportano sulla confezione.

 

integratori pastiglie
In alcuni casi le sostanze contaminanti erano l’unico ingrediente degli integratori

Il 35% dei campioni esaminati ha rivelato la presenza di specie vegetali non dichiarate, come riso, fagioli, pino, agrumi, asparagi, primula, grano, piante d’appartamento e carota selvatica. In molti casi, le sostanze contaminanti sono state l’unico ingrediente vegetale trovato nei campioni di prodotto. Da Wallgreens, ad esempio, una popolare marca di pillole di ginseng, pubblicizzate per la resistenza fisica e la vitalità, conteneva solo aglio in polvere e riso. Da Walmart, il ginkgo biloba, promosso per potenziare la memoria, conteneva poco più che ravanello in polvere, piante da appartamento e grano, sebbene l’etichetta riportasse che era senza grano e senza glutine.

 

Negli Stati Uniti, il giro d’affari dell’industria degli integratori alimentari è pari a 61 miliardi di dollari l’anno. Secondo uno studio del 2013, condotto dal Canadian Institutes of Health Research, sul mercato Usa ci sono circa 65.000 integratori, consumati da più di 150 milioni di americani.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni a Il Fatto Alimentare si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Conflito interesse

Consorzi del prosciutto dop: scandali, truffe e conflitto di interessi

L’Istituto Parma Qualità che certifica il rispetto disciplinare del prosciutto di Parma Dop è di …

4 Commenti

  1. Interessante… Vengono fatte analisi di questo tipo anche da noi?

    • sì, secondo i principi che regolano gli alimenti di origine vegetale (e animale).
      la presenza o meno di determinati ingredienti (evidenziati e non) è controllata anche dal MIPAAF (repressione frodi).

  2. La cosa è sicuramente preoccupante anche perché le quattro aziende controllate sono tra le più importanti del settore, ma andrebbe correttamente chiarito che il dato è riferito per ora ad esse. Il titolo induce a un’impropria generalizzazione.