Home / Pubblicità & Bufale / Formaggino Mio con spinaci e carote: spot censurati dal Giurì. Scorretto il confronto nutrizionale con verdure e ortaggi

Formaggino Mio con spinaci e carote: spot censurati dal Giurì. Scorretto il confronto nutrizionale con verdure e ortaggi

Formaggino mio
Gli spot del Formaggino Mio “con carota” e  “con spinaci”, sono stati censurati e non andranno più in onda

Il Comitato di controllo del Giurì di autodisciplina pubblicitaria oggi ha comunicato di avere censurato due spot del Formaggino Mio con Carota e Formaggino Mio con Spinaci, andati in onda sui canali Rai e Mediaset nel mese di ottobre 2014. La motivazione della sentenza dice che  il messaggi “propongono un  modello alimentare scorretto, in quanto suggeriscono il prodotto come un adeguato sostituto della verdura, da aggiungere peraltro ad ogni piatto”. Gli spot infatti mostrano una bambina a tavola che rifiuta di mangiare un piatto di spinaci e un piatto di carote, mentre la voce fuori campo recita: “le verdure sono un problema?”, “da oggi basta aggiungere ad ogni piatto formaggino Mio con spinaci e verdure”, “tutto il buono delle verdure….”.

 

formaggino mio spinaci
Gli spot propongono un rapporto di equivalenza scorretto tra il consumo della verdura cotta e quella contenuta nei formaggini

La pubblicità viola le regole del codice di autodisciplina perché propone un rapporto di equivalenza scorretto da un punto di vista nutrizionale tra il consumo della verdura cotta e quella contenuta nel formaggino (per l’elevato contenuto in proteine, grassi totali e saturi (non reperibili, in quantità analoghe, nelle verdure da sostituire). Oltre a ciò occorre considerare che  il suggerimento alimentare non risulta equilibrato. L’altro grave aspetto evidenziato nella sentenza è il comportamento diseducativo della bambina che si rifiuta di mangiare la verdura e si alza da tavola. Questo gesto viene premiato con la sostituzione del cibo non gradito con un altro ritenuto più gradevole illusoriamente, presentato come equivalente sotto il profilo nutritivo.

 

Il Fatto Alimentare il 30 ottobre aveva  segnalato la scorrettezza dello spot, supportato dalle motivazioni espresse da Enzo Spisni, docente di Fisiologia della Nutrizione all’Università di Bologna  che evidenziava come  “un formaggino Mio alle carote del peso di 20,8 grammi, contiene il 32% purea di carote, per un totale di 6,6 grammi di carote bollite, che apportano 2,3 calorie su 39. Per arrivare all’equivalente in peso di una carota  bisognerebbe mangiare almeno una dozzina di formaggini”. Oltre al fatto che  le puree pastorizzate non possono sostituire un alimento “vivo” come la carota». Lo spot non andrà più in onda ed è stato ritirato anche da You Tube.

Sara Rossi

© Riproduzione riservata

 

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 causale: sostieni Ilfattoalimentare 

 

 

 

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

croccole artigianali capitan findus

Findus: le Croccole non sono artigianali. Censurati gli spot in tv e le confezioni. La pronuncia del Giurì

Il Giurì dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria, con la pronuncia 56/2019 del 25 ottobre, ha censurato …

4 Commenti

  1. Avatar

    E’ da poco che ho il piacere di leggervi e ho constatato giorno dopo giorno che fate sempre un ottimo lavoro ed accurate ricerche. Mi auguro che la vostra informazione raggiunga un numero sempre più consistente di consumatori.

  2. Avatar

    meno male! avevo pensato la stessa cosa vedendola per caso! A volte ci si sente così impotenti…
    L’unico problema… è che non si fa in tempo a correggere da una parte, che ne salta fuori una nuova dall’altra…

    • Avatar

      Cara Monica, da pediatra nutrizionista non posso che essere d’accordo con lei, e anche con la sua triste conclusione. Mentre però mi accingevo a scrivere questo commento m’è tornato in mente qualcosa che lessi tempo fa, non so più dove, e che è una parziale scusante alla pubblicità in questione; la riflessione diceva, più o meno, che “la pubblicità non fa altro che accogliere, riflettere e amplificare il mondo reale”. Dunque la mia tristezza non è tanto, o non è solo, per la pubblicità scorretta, ma soprattutto per cosa le famiglie italiane sono diventate: genitori proni a qualsiasi capriccio dei figli, menù sempre pronti tipo ristoranti à la carte, cibi impropri in sostituzione di quelli adeguati perché “tanto non lo mangia”… Questa è la vera tristezza della società attuale, almeno per quest’aspetto.

  3. Avatar

    Non ci sono più i formaggini Mio di una volta:
    Ricordo quelli degli anni ’50, burrosi e saporiti, spalmati su una fetta di pane fresco.