Home / Pianeta / La più grande fattoria verticale si trova a Newark, nel New Jersey. Un progetto destinato a moltiplicarsi

La più grande fattoria verticale si trova a Newark, nel New Jersey. Un progetto destinato a moltiplicarsi

fattoria
Le coltivazioni di verdura ed erbe aromatiche sono distribuite su 12 ripiani

La più grande fattoria verticale coperta del mondo è stata realizzata negli Usa su un’area di 6.400 metri quadrati, all’interno di una ex-acciaieria, nell’ambito della riqualificazione dell’ex area industriale di Newark, nel New Jersey. Capofila del progetto, coinvolgente circa 80 persone, è la società AeroFarms, che qui produrrà ogni anno fino a oltre 900 tonnellate di verdure ed erbe aromatiche, da distribuire alla comunità locale e su altri mercati. Le coltivazioni avvengono su dodici ripiani, fino a nove metri di altezza.

Basato sulla tecnica idroponica, questo metodo di coltivazione è 75 volte più produttivo per unità di superficie rispetto a una fattoria tradizionale, non utilizza pesticidi, ha un consumo d’acqua inferiore del 95% rispetto alle coltivazioni tradizionali e un utilizzo di fertilizzanti pari alla metà. La fattoria verticale non ha illuminazione solare ma utilizza lampade a led e sensori che monitorano il processo di crescita. La coltivazione avviene senza utilizzo di terriccio, spruzzando l’ossigeno e le sostanze nutrienti direttamente sulle radici.

Se quella di Newark, a cui il New York Times ha dedicato un video, è la più grande sinora realizzata, queste fattorie verticali coperte sono destinate a diffondersi. AeroFarms ne ha già annunciato la realizzazione in altre città statunitensi e anche altre aziende stanno entrando in questo settore.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

pangolino animali epidemia coronavirus cina

Coronavirus, seri sospetti sui pangolini responsabili della trasmissione all’uomo. Stretta in Cina sul commercio di animali vivi

Tutta colpa dei pangolini (Manis), forse. O, per meglio dire, di coloro che, nonostante tutte …