Home / Etichette & Prodotti / Farina Esselunga e farina Molino Chiavazza: il produttore è lo stesso e le etichette sono molto simili. Cosa scegliere?

Farina Esselunga e farina Molino Chiavazza: il produttore è lo stesso e le etichette sono molto simili. Cosa scegliere?

farina mattarello La farina è un prodotto di base e il consumatore medio che ne fa un uso esclusivamente domestico non percepisce sostanziali differenze tra una marca e l’altra. Un po’ diverso è il discorso per l’utilizzo professionale, nel quale caso hanno maggior peso i cosiddetti “parametri analitici” (contenuto in umidità, glutine, proteine, granulometria, ecc.) e “reologici” (indici di tenacità dell’impasto ottenuto, estensibilità, forza della farina, ecc.).

 

Se prendiamo in considerazione le farine “00” di grano tenero, ci accorgiamo che il 38% dei prodotti venduti nella grande distribuzione rientra nel gruppo  delle private label, cioè ha il marchio del supermercato.  Si tratta di un valore  elevato, probabilmente dovuto all’incapacità del consumatore di distinguere le differenze tra un prodotto e l’altro .

 

chef farina impastoIl Fatto Alimentare ha messo a confronto la farina marchiata Esselunga, prodotta nello stabilimento di Casalgrasso (CN) dall’azienda Molino Fratelli Chiavazza, e la farina venduta con il marchio Il Molino Chiavazza prodotto nella medesima azienda. A prima vista, non sembrano esserci sostanziali differenze: l’imballaggio di carta è lo stesso, i valori nutrizionali riportati sull’etichetta  sono molto simili e anche i prezzi risultano abbastanza allineati (la confezione di Esselunga costa 5 centesimi in meno al chilo).

 

Secondo le informazioni che abbiamo ottenuto la farina di grano tenero tipo “00”  prodotta nello stabilimento di  Casalgrasso è ottenuta dalla macinazione di grani fini nazionali. Quella con il marchio Il Molino Chiavazza è definita “di media forza e quindi ha  caratteristiche di panificabilità tali da garantire un equilibrato ciclo di lavorazione” ed è adatta ai principali utilizzi professionali e domestici. Può infatti essere impiegata per preparare: pasta fresca, panature, pane, pizze e focacce che non richiedono particolari modalità di impasto o lunghi tempi di lavorazione.

 

La farina a marchio Esselunga – precisa la catena di supermercati – è ottenuta prevalentemente da grani italiani e francesi e può essere definita “rinforzata” rispetto a quella a marchio Chiavazza.  Il prodotto corrisponde a richieste specifiche e ha parametri reologici un po’ diversi rispetto a una farina standard. Anche sulla confezione della nostra farina sono riportati i possibili usi (adatta per pane, pizza, focacce e pasta fresca)”.

 

farina cucinarePer correttezza va detto che  Molino Chiavazza è un produttore che confeziona farine per numerose catene della grande distribuzione (gli addetti ai lavori chiamano queste aziende co-packer) (1), e ha voluto precisare che «tutte le insegne hanno dei capitolati tecnici nei quali sono espressamente indicate le caratteristiche dei prodotti».

 

Anche se le  farine sembrano a prima vista tutte uguali,  in realtà non lo sono, perchè ogni supermercato definisce i suoi standard qualitativi. A questo punto possiamo ipotizzare delle differenze chimico-fisiche e reologiche, che però non  sono indicate in modo chiaro sulla confezione o in etichetta.  Queste diversità però dovrebbero emergere  nel corso di un’analisi di laboratorio ed essere evidenziate durante la fase di impasto, ma solo se si tratta di farina molto diverse.

 

Probabilmente siamo di fronte a differenze poco evidenti, il valore proteico sull’etichetta risulta  identico  e i due prodotti si possono considerare abbastanza equivalenti. Il  consumatore che prepara una torta in casa difficilmente sarà in grado di valutare le diversità tra i due marchi.

 

Claudio Troiani

 

(1) Contract packer o co-packer è tecnicamente chiamata quella azienda che produce e confeziona alimenti per un cliente. Nella commercializzazione e distribuzione sul mercato di questi prodotti, il co-packer si attiene ai termini sottoscritti in un  contratto che, in questo caso, ha lo stesso potere decisionale di un produttore.

 

farina Molino ChiavazzaFarina 00 da 1 Kg, Il Molino Chiavazza

Per preparare torte, pan di spagna, pizze, focacce, pasta fresca, panature, ecc.

Valori medi per 100 g di prodotto
Proteine 9,0 g
Carboidrati 74,0 g
Grassi 1,0 g
Valore energetico 325 Kcal (1.380 Kj)
Prezzo medio a livello nazionale 0,6 €

 

 

 

Farina EsselungaFarina 00 da 1 Kg, Esselunga

Adatta per pane, pizza, focacce e pasta fresca casalinga

Valori medi per 100 g di prodotto
Proteine 9,0 g
Carboidrati 74,5 g
Grassi 0,7 g
Valore energetico 340 Kcal (1.445 Kj)
Prezzo medio a livello nazionale 0,55 € (Milano)

 

 

© Riproduzione riservata

Foto: Photos.com, Esselungaacasa.it, Molinochiavazza.it

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Findus danone activia nutri-score

Etichette a semaforo promosse in Europa e nel mondo ma bocciate dall’Italia, che preferisce prosciutto e formaggio

Mentre il Comitato sull’etichettatura alimentare del Codex (organismo congiunto di Fao e Oms che stabilisce …

Un commento

  1. Ho qualche dubbio in merito alle Kcal fornite dalla farina a marchio “Il Molino Chiavazza”, essendo molto simili i contenuti dei macronutrienti nelle due farine, trovo molto strano una differenza di 15Kcal per ogni 100g…
    Sarà forse un errore di battitura???