Home / Lettere / Etichette: i legittimi dubbi tra regolamento europeo e leggi italiane. Cosa bisogna seguire?

Etichette: i legittimi dubbi tra regolamento europeo e leggi italiane. Cosa bisogna seguire?

Non ho capito se il nuovo regolamento europeo 1169/2011 è già in vigore e se  in Italia dobbiamo far riferimento ancora al DLgs 109, così come in Spagna si dovrà fare ancora riferimento al Real Decreto 1334/1999. Come deve fare un’azienda che deve progettare oggi delle nuove etichette?

Grazie, Daniela

 

Come abbiamo ipotizzato nel nostro ebook “L’Etichetta”, all’epoca della pubblicazione del regolamento (UE) n. 1169/2011, gli operatori possono già ora applicare le nuove disposizioni. Ulteriore conferma di ciò proviene dai lavori di interpretazione sinora svolti dalla Commissione europea con le Rappresentanze governative degli Stati membri.

 

Rimane tuttavia la questione della legislazione nazionale concorrente. Nessuno dei 27 Paesi membri ha sinora provveduto ad aggiornare la propria normativa (come è in Italia il d.lgs. 109/92 e successive modifiche) rispetto al nuovo regolamento. Ciò comporta che le disposizioni locali rimangono applicabili, sul piano formale, sino a quando non verranno formalmente abrogate.

 

Non è facile dispensare consigli in astratto, bisogna piuttosto confrontare le norme sinora applicate al singolo prodotto in ciascun Paese con le nuove disposizioni generali, per valutare in concreto come impostare le nuove etichette.

 

Dario Dongo

Foto: Photos

 

Avatar

Guarda qui

Lidl: il burro Milbona va consumato entro due giorni! Le perplessità di un lettore e la risposta della catena che conferma

Il tema delle scadenze e di quanto realmente durino gli alimenti è sempre attuale. In …

3 Commenti

  1. Avatar
    Roberto Pinton

    Il reg.1169/2011 si applica a decorrere dal 13 dicembre 2014 (art.55), salvo alcune (allegato VI parte B, che si applicano dal 1 gennaio 2014. Nel frattempo, il decreto 109/92 continua onorevolmente la sua attività (e potrà proseguirla fino al dicembre 2016).
    Prima della sua entrata in vigore, le indicazioni del reg. 1169/2011 sono utilizzabili in via facoltativa. Non sarà necessario abrogare le normative pre-esistenti, (generalmente in attuazione di direttive CEE), perchè il regolamento 1169/2011 ci pensa lui, all’art.53.

  2. Avatar

    Caro Roberto, purtroppo il meccanismo di abrogazione non e’ automatico come si potrebbe immaginare. Se il legislatore nazionale non provvede bisogna adire la magistratura. Proporre ove del caso un ricorso incidentale alla Corte di Giustizia. Dalla teoria all’etichetta, la strada e’ lunga …

  3. Avatar

    La norma nazionale non sarà abrogata, o caducata, automaticamente, ma è automaticamente disapplicata; in pratica resta in un limbo che a meno che il legislatore nazionale non la abroghi formalmente, la fà ridivenire "vigente", applicabile, laddove un giorno la norma comunitaria contrastante venga abrogata. Secondo giurisprudenza oramai consolidata al giudice nazionale spetta il controllo, se si vuole l’interpretazione, sull’avvenuto adeguamento automatico.
    In soldoni dal 2014 si applicherà il solo nuovo regolamento, pure laddove in apparente contrasto con la normativa nazionale; quest’ultima resterà applicabile solo ove non in contrasto con quella nazionale.