Home / Etichette & Prodotti / Etichette nutrizionali, in Francia scoppia lo scandalo dei conflitti d’interesse. L’inchiesta di “Le Monde” provoca dimissioni a catena

Etichette nutrizionali, in Francia scoppia lo scandalo dei conflitti d’interesse. L’inchiesta di “Le Monde” provoca dimissioni a catena

etichette nutrzionali francia
Polemiche per i conflitti di interessi intorno alla sperimentazione delle 4 etichette nutrizionali

In Francia le quattro proposte di etichette nutrizionali da proporre  all’industria alimentare ha dato luogo a uno scandalo per via del conflitto di interessi di alcuni membri. Il quotidiano Le Monde ha sollevato il problema, documentando i conflitti di interessi non dichiarati di diverse persone nominate nei due comitati preposti allo studio che, da settembre, dovrà valutare le reazioni dei consumatori di fronte alle varie opzioni proposte, tra cui quelle suggerite dai produttori alimentari e dalla grande distribuzione. Conflitti d’interesse che mettono in dubbio l’imparzialità della valutazione, scrive Le Monde in un’inchiesta che titola  “Intossicazione agroalimentare” al Ministero della sanità.

nutri-score etichette
L’industria, rappresentata dal FFAS nel direttivo, osteggia il Nutri-Score (sinistra) e promuove il SENS (destra)

Il comitato direttivo è presieduto dal direttore generale del Ministero della sanità, Benoit Vallet e da Christian Babusiaux, presidente dei Fonds français pour l’alimentation et la santé (FFAS). Quest’ultima è  un’organizzazione di lobbying scientifica dell’industria agroalimentare, che raggruppa i più grandi gruppi del settore rappresentata  all’interno  del comitato da quattro membri. Inoltre, diverse persone del comitato direttivo sono anche rappresentanti della grande distribuzione e dell’Associazione nazionale delle industrie alimentari (ANIA), assolutamente contrarie a un’etichetta nutrizionale che utilizzi i colori, analogamente a quanto avviene in Gran Bretagna.

Il comitato scientifico che deve vigilare sul rigore delle operazioni, ha al suo interno sei membri su dieci che collaborano con le industrie alimentari. Il problema è che nessuno ha indicato l’esistenza di  queste collaborazioni al Ministero, così come nulla ha dichiarato la FFAS. Le collaborazioni degli esperti riguardano aziende come Danone, Nestlé, Mondelez, i produttori di zucchero e catene della grande distribuzione, come Casinò.

etichette nutrizionali Francia
Il presidente dell’Insern, che ha elaborato il Nutri-Score, si è dimesso dal direttivo per protesta

Il giorno prima della pubblicazione dell’inchiesta di Le Monde, Yves Lévy, presidente e direttore generale dell’Institut national de la santé et de la recherche médicale (Inserm), si è dimesso dal comitato direttivo, così come hanno fatto altri tre membri. Il presidente di Inserm aveva espresso a più riprese le proprie riserve e critiche sul rigore metodologico dello studio, senza essere preso in considerazione.

Le Monde ha riassunto la sua inchiesta in un video di quattro minuti, che si conclude con l’indicazione della società scelta per condurre la sperimentazione delle etichette nutrizionali: Link up, legata a FFAS.

sostieni il fatto alimetnare

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

© Riproduzione riservata

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Two pretty female sisters go shopping together, stands in grocer`s shop, select fresh milk in paper container, read label, carry rucksacks, have serious expressions. People and commerce concept

L’assurda proposta italiana dell’origine di tutti gli ingredienti obbligatoria in etichetta bocciata da Bruxelles

L’origine di tutti gli ingredienti in etichetta? Non si può fare. Come era stato ampiamente …

Un commento

  1. Suggerirei di modificare il titolo aggiungendo il concetto di “dimissioni per protesta”.