;
Home / Etichette & Prodotti / Le etichette a semaforo aiutano a fare scelte alimentari più salutari. Ancora una conferma dalla ricerca

Le etichette a semaforo aiutano a fare scelte alimentari più salutari. Ancora una conferma dalla ricerca

Non ci sono più molti argomenti, per chi vuole continuare a negare l’utilità della segnalazione in etichetta della qualità nutrizionale di un alimento. Una delle più grandi metanalisi mai condotte giunge a una conclusione chiarissima: le indicazioni servono, e fanno la differenza nelle scelte. A effettuarla sono stati i ricercatori della Queen Mary University di Londra insieme a colleghi di altre università, che hanno poi pubblicato su PLoS Medicine quanto emerso. Per giungere a una conclusione, gli esperti hanno incluso 134 studi (55 dei quali randomizzati e controllati) illustrati in 120 articoli usciti su riviste peer reviewed, dal gennaio 1990 al maggio 2021. Quindi hanno considerato quattro tipologie di indicazioni: due incentrate sul colore (le etichette a semaforo britanniche e il Nutri-Score francese), e due basate su diciture o allarmi, per esempio per la presenza di troppi grassi (i bollini neri usati in Cile e le indicazioni di allerta per la salute della California). Gli autori sono andati poi a verificare se era stato possibile dimostrare o meno un cambiamento nelle abitudini, e da cosa era stato motivato.

L’esito è evidente: la presenza di una segnalazione di qualunque tipo modifica le scelte, e spinge i consumatori ad acquistare alimenti migliori dal punto di vista nutrizionale. Inoltre, ogni tipologia, tra quelle analizzate, risponde bene allo scopo per cui è stata progettata: quelle più neutre o positive, e cioè basate su un colore dal rosso al verde (come le etichette a semaforo), favoriscono acquisti di cibi più sani, mentre quelle in negativo, con i cosiddetti warning, allontanano da quelli meno sani. In generale, le etichette tipo Nutri-Score sono state associate a un aumento di scelte più sane del 7,9%, mentre quelle basate sugli allarmi a uno del 26%, e tutte sono state causa di una diminuzione nell’acquisto di alimenti ad alto contenuto di calorie, sodio, grassi totali e saturi. Per quanto riguarda le motivazioni psicologiche, dagli studi emerge sempre un possibile meccanismo, su tutti: la migliore comprensione della reale qualità nutrizionale del prodotto da acquistare, che si traduce poi, ovviamente, in una predisposizione negativa verso quelli peggiori, e positiva verso quelli migliori.

etichette a semaforo nutri-score bollini neri allerta per la salute
I quattro tipi di etichette analizzate dagli studi presi in considerazione (Fonte: J.Song, M.K. Brown et al, 2021 PLoS Medicine): A) etichette a semaforo dettagliate; B) Nutri-Score; C) sistema di etichettatura di allerta cileno; D) avviso di sicurezza della California

La metanalisi – hanno fatto notare gli stessi autori – presenta dei limiti, soprattutto per quanto riguarda l’eterogeneità degli studi inclusi e per la mancanza di valutazioni a lungo termine, che mostrino se e quanto la comprensione si è trasformata in abitudine. Tuttavia, sembrano esserci pochi dubbi sul fatto che apporre, per obbligo o spontaneamente, le giuste informazioni sulla confezione aiuti a prendere decisioni più razionali. Per questo si schierano senza ambiguità sul fronte di chi chiede l’obbligo. Sarebbe inoltre interessante – e fattibile con un approccio del tutto simile – controllare, oltre alla durata nel tempo, se c’è anche un altro effetto: quello sui cambiamenti delle ricette dei produttori, già evidenziato in molti studi singoli, e ulteriore prova a sostegno dell’obbligo.

© Riproduzione riservata Foto: stock.adobe.com

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

origine, cibo italiano bandiera

Gli italiani lo fanno meglio? La questione dell’origine nei nostri prodotti più diffusi

Sempre più spesso troviamo sulle confezioni dei prodotti alimentari un’indicazione  che indica l’impiego di materia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *