;
Home / Supermercato / Esselunga, arriva la truffa online: “clicca per ricevere un buono da 500 €”

Esselunga, arriva la truffa online: “clicca per ricevere un buono da 500 €”

Nelle ultime settimane sono pervenute numerose segnalazioni ai clienti Esselunga riguardanti messaggi che promettono falsi buoni spesa da 500 €. La catena di supermercati ha diffuso un comunicato in cui precisa che l’invio di tali messaggi “esula da ogni possibile forma di controllo da parte di Esselunga e che eventuali concorsi o operazioni a premi vengono diffusi esclusivamente attraverso i canali ufficiali dell’azienda”. Il testo recapitato sul cellulare promette buoni spesa decisi per l’anniversario dei 70 anni, ma si tratta di una vera e propria bufala. La catena è infatti ben lontana da questo importante compleanno, e quella che circola su WhatsApp è l’ennesima truffa che vede coinvolti regolarmente i marchi più noti della grande distribuzione come Coop, Amazon…

Questi messaggi di posta ingannevole – noti anche come “phishing”  – sono sempre più diffusi e mirano a rubare informazioni,  dati bancari o addirittura denaro alle persone. Spesso il testo contiene l’invito a cliccare su un link che rimanda a un sito appositamente creato per carpire informazioni personali. In questi casi la prima cosa da fare è andare sul sito ufficiale e verificare se esiste realmente il concorso a premi. Ci sono però altri elementi che devono insospettire come ad esempio  la presenza nel testo di non ben precisate minacce di chiusura di un servizio online (es. home banking) o di un account. Un elemento diffuso è la promessa di premi in denaro o di buoni sconto  di valore eccessivamente elevato come il Buono Sconto Esselunga da 500 €. Ci sono anche offerte di prodotti/servizi a prezzi troppo bassi per essere realistici, e comunicazioni riguardanti vincite di lotterie. Non mancano richieste di donazioni ad enti benefici. Occorre anche diffidare di messaggi con errori di ortografia o siti che invitano a partecipare a un questionario all’interno del quale vengono richiesti i dati personali.

“Per riconoscere le truffe – precisa Esselunga – ogni qualvolta ricevi una email che ti invita a rilasciare dati personali o password, bisogna cliccare sul campo Da o Mittente  in modo da visualizzare i dettagli dell’indirizzo di posta elettronica che deve sempre corrispondere a @esselunga.it o @newsletter.esselunga.it. Se il dominio è differente la mail è da considerarsi ingannevole.” Un altro modo per individuare la mail truffaldine è di posizionare il cursore del mouse sul link (senza cliccare) per visualizzare il vero link sottostante, che spesso corrisponde a una sequenza di numeri e lettere ben diverso dall’’indirizzo visibile nel link. Qualora si resti vittima di questo genere di truffa la prima cosa da fare è segnalare l’accaduto alla Polizia postale per interrompere la catena il prima possibile. Volendo poi essere  precisi basta ricordare che la catena di supermercati milanese quest’anno non festeggerà i 70 anni d’attività, ma “solo” 64 essendo stata fondata nel 1957. Stesso discorso per Amazon, che festeggerà i 30 anni dalla fondazione nel 2024.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Pratiche commerciali scorrette, sottocosto e aste al doppio ribasso. Accordo tra GDO e aziende

Il percorso per arginare pratiche commerciali scorrette che danneggiano produttori agricoli e consumatori ha fatto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *