;
Home / Richiami e ritiri / Esselunga, richiamata robiola di monte: presenza di Escherichia coli STEC in un campione

Esselunga, richiamata robiola di monte: presenza di Escherichia coli STEC in un campione

robiola di monteEsselunga e il ministero della Salute hanno pubblicato l’avviso di richiamo di un lotto di robiola di monte “Robiola della Valsassina” a marchio Invernizzi per la “presenza di Escherichia coli STEC in un campione di robiola prelevato presso la sede operativa di Lissone in data 27/08/2021”. Il prodotto in questione è venduto in confezioni dal peso variabile di 300/400 grammi con la data di scadenza 22/09/2021, che coincide con il numero di lotto.

La robiola di monte richiamata è stata prodotta dall’azienda Invernizzi Daniele di Invernizzi Daniele e C. Snc nello stabilimento di via IV Novembre 2, a Cremeno, in provincia di Lecco (marchio di identificazione IT 03 454 CE).

In via cautelativa, si raccomanda di non consumare la robiola di monte con la data di scadenza segnalata e restituirla al punto vendita dove è stata acquistata.

Dal 1° gennaio 2021, Il Fatto Alimentare ha segnalato 192 richiami, per un totale di 350 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: Esselunga

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Ancora un integratore alimentare richiamato a causa dell’ossido di etilene

Il ministero della Salute ha segnalato il richiamo precauzionale di un lotto di un altro …