Home / Allerta / Salgono a 11 i casi di epatite: segnalato un altro integratore a base di curcuma. Ancora sconosciute le cause

Salgono a 11 i casi di epatite: segnalato un altro integratore a base di curcuma. Ancora sconosciute le cause

A handful of turmeric capsules with the contents of one spilledAncora un caso di epatite colestatica acuta legato al consumo di integratori a base di curcumina. Con l’ultima segnalazione dell’Istituto superiore di sanità, il numero di persone colpite dalla malattia è salito a 11. Il nuovo caso, secondo quando riportato dal ministero della Salute, sarebbe stato associato al consumo dell’integratore Curcuma liposomiale più pepe nero con il numero di lotto 1810224 e la data di scadenza 10/2021.

L’integratore segnalato è stato prodotto dall’azienda Nutrimea Laboratories, nello stabilimento di rue des Petits Champs, a Parigi.

Nelle scorse settimane, il ministero della Salute ha segnalato altri prodotti e integratori alimentari a base di curcuma e curcumina, il cui consumo sarebbe stato collegato ad altri casi di epatite:

  • Curcumina Plus 95%, lotto 18L823 e scadenza 10/2021 (NI.VA)
  • Curcumina 95% (basso dosaggio), lotto 18M861 e scadenza 11/2021 (NI.VA)
  • Curcumina Plus 95% piperina a marchio linea@ lotti 19B914 con scadenza 02/2022 e 18e590 con scadenza 03/2021 (NI.VA)
  • Curcuma complex B.A.I. Aromatici, per conto di Vitamin Shop
  • Tumercur Sanandrea
  • MOVART Scharper SpA
  • Curcuma Meriva 95% 520 mg Piperina 5 mg (Farmacia Dr.Ragazzi)
  • Curcuma “Buoni di natura” Terra & Sole
  • Curcuma 95% Maximum, lotto 18L264 e scadenza 10/2021 (Naturando)

integratori curcuma curcumina piperina avvisoL’azienda NI.VA. e il produttore Frama, per tutelare i consumatori, hanno deciso di richiamare gli integratori Curcumina Plus 95%, Curcumina 95% (basso dosaggio) e Curcumina Plus 95% piperina a marchio linea@, oltre al prodotto Curcumina Piperina + a marchio AIF, che per il momento non è stato associato a nessun caso.

Non è ancora chiara l’esatta causa dei casi epatite segnalati dall’Iss, che non sono infettivi né contagiosi. Mentre le autorità sanitarie portano avanti le indagini, il ministero della Salute raccomanda di sospendere temporaneamente il consumo dei prodotti segnalati, a scopo precauzionale.

Alle persone interessate segnaliamo l’articolo dove si spiega perché secondo la  Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri la curcuma non ha effetti curativi sul cancro

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Castagne d’India o matte: in Francia pubblicata una guida per prevenire le intossicazioni molto frequenti

Ogni autunno ospedali e centri antiveleni accolgono persone con intossicazioni da castagne d’India, frutti dell’ippocastano …