Home / Nutrizione / Gli energy drink in età scolare aumentano del 66% il rischio di iperattività e disattenzione. Le bibite zuccherate lo aumentano del 14%

Gli energy drink in età scolare aumentano del 66% il rischio di iperattività e disattenzione. Le bibite zuccherate lo aumentano del 14%

energy drink studenti
Il consumo di energy drink in età scolare aumenta del 66% il rischio di iperattività e disattenzione

Secondo una ricerca della Yale School of Public Health, pubblicata dalla rivista Academic Pediatrics, l’abuso di energy-drink in età scolare aumenta del 66% il rischio iperattività e distrazione. Lo studio ha coinvolto 1.649 studenti delle scuole medie di un distretto scolastico urbano del Connecticut, di cui il 47% ispanici e il 38% afro-americani, con un’età media di poco più di 12 anni. Il consumo di bevande zuccherate, comprese quelle energetiche, è risultato maggiore, per quantità e varietà, tra ispanici e neri, rispetto ai bianchi, e tra i ragazzi rispetto alle ragazze.

 

Il rischio di iperattività e di disattenzione aumenta del 14% per ogni bibita zuccherata consumata e diventa maggiore con il consumo di energy drink, probabilmente a causa a causa del mix di sostanze quali taurina, guaranà e caffeina. Secondo Jeannette Ickovics, che ha guidato la ricerca, i risultati dello studio confermano le raccomandazioni dell’American Academy of Pediatrics, secondo cui i genitori dovrebbero cercare di limitare il consumo di bevande zuccherate da parte dei figli, evitando del tutto quelle energetiche. Alcune delle bibite più popolari tra gli studenti contengono fino a 40 grammi di zucchero e tra i partecipanti alla ricerca il consumo medio rilevato è stato di due bibite zuccherate al giorno, andando da chi non ne beve affatto a chi ne consuma sette o più.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Supplements for sports omega in wooden spoons. Sport background. Healthy nutritional supplements. Sport, diet concept. Food supplement. integratori vitamine

Troppe vitamine fanno male: con gli integratori l’eccesso è possibile. Si rischiano gravi conseguenze, spiega Issalute

È vero che più vitamine prendo meglio sto? No, anzi è vero il contrario Un’assunzione …

3 Commenti

  1. Avatar

    Ma dài, questi della Yale School of Public Health sono dei geni, e io che mi credevo che “energy” volesse dire che un qualcosa che fa dormire.
    Suggerisco a cotante menti superiori una ricerca sul perché l’acqua si scalda quando viene in contatto con una fonte di calore.

  2. Avatar

    Ma io non capisco queste ricerche che a me sembrano poco scientifiche. Nei topi se si vuole vedere se un alimento provoca iperattività si da da mangiare un prodotto e a un’altro gruppo si da una alimentazione normale: perché non fanno lo stesso con i bambini? o gli adolescenti?

    Questi cercano chi beve in età scolare un energy drink quindi è ovvio che c’è una stretta correlazione tra la persona che ha scelto di assumere grandi quantità di caffeina e altri problemi.

  3. Avatar

    Signori, nell’articolo non viene riportato il metodo, le analisi statistiche ma solo i risultati. Essendo una ricerca scientifica di Yale ed essendo stata pubblicata su riviste scientifiche, significa che e’ stata validata da una commissione di esperti e referees internazionali e non correlati ai relatori, cioe’ indipendenti e anonimi a chi ha scritto la ricerca.
    Ergo, e’ ovvio che abbiano confrontato due gruppi, uno che assumeva bevande energetiche ed uno che assumeva acqua o simili e fatto i dovuti confronti.

    Bisognerebbe parlare di ricerca a ragion veduta e non a vanvera e leggere (o forse capire?) gli articoli prima di commentare.