Home / Pianeta / Mosca, da maggio vietati gli energy drink alcolici. Riducono la percezione dell’ubriachezza e sono consumati dal 70% dei giovani

Mosca, da maggio vietati gli energy drink alcolici. Riducono la percezione dell’ubriachezza e sono consumati dal 70% dei giovani

Happy female friends celebrating energy drink alcolici
Gli energy drink alcolici sono consumati dal 70% dei giovani moscoviti

Il parlamento della città di Mosca ha deciso che dal 1° maggio sarà vietata la vendita degli energy drink che contengono anche alcol, che si sono molto diffusi tra i moscoviti. Come riferisce The Moscow Times, secondo un sondaggio online condotto su una piattaforma governativa e che ha coinvolto 280.000 persone, l’80% condivide il divieto. Secondo quanto affermato dal parlamentare che l’ha proposto, Kirill Shchitov, gli energy drink alcolici sono consumati dal 70% dei giovani moscoviti. Il divieto riguarda le bevande con un contenuto alcolico tra l’1,2% e il 9%, che contengono anche caffeina o altri stimolanti.

 

La vendita al dettaglio delle bibite vietate sarà punita con una multa da 80 a 160 euro, mentre alle compagnie produttrici verrà applicata una sanzione equivalente a 1.600 euro.

 

Driving a car at night -man driving his modern car at night in a
La caffeina contenuta negli energy drink diminuisce l’azione depressiva dell’alcol, riducendo la percezione dell’essere ubriachi

Come hanno rilevato diversi studi, l’effetto stimolante della caffeina contenuta negli energy drink diminuisce l’azione depressiva dell’alcol, riducendo la percezione dell’essere ubriachi e aumentando così l’esposizione a comportamenti rischiosi.

 

Negli Stati Uniti, la produzione di energy drink alcolici è cessata dopo un avvertimento della Food and Drug Administration nel 2010. Il problema è che l’abbinamento tra energy drink e alcol viene poi realizzato direttamente dai giovani nei locali miscelando la bevanda a un super alcolico.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Termopolio-Regio-V pompei nereide cavalli marini

Il fast food al tempo dei romani: ritrovati a Pompei oltre 80 termopoli, i locali preferiti dell’Antica Roma per un pasto al volo

Si chiamavano thermopolia, ed erano gli equivalenti pompeiani dei moderni fast food, perché lì si …

3 Commenti

  1. I divieti non funzionano mai né in USA né in Russie e né in Europa.

  2. Mi sembra un provvedimento un filino “ridicolo” in un paese in cui il consumo di “veri” alcolici (super in genere) è abituale e diffuso tra i giovani

  3. a quanto pare Russi sono più avanti di noi !! ..lo sono anche per i pericoli delle onde elettromagnetiche, problema di cui vedremo i danni fra 10 anni sui nostri figli, ma intanto in Italia nessuno ci pensa..