Home / Tecnologia e Test / Economia circolare: nel juice bar sperimentale di CRA ed Eni, le bucce delle arance si trasformano in bicchieri per la spremuta

Economia circolare: nel juice bar sperimentale di CRA ed Eni, le bucce delle arance si trasformano in bicchieri per la spremuta

juice bar Feel the Peel arance spremuta bioplasticaChe fine fanno le bucce di tutte le arance che spremiamo, a casa o al bar, per bere un succo fresco? Nella maggior parte dei casi finiscono, inevitabilmente, tra i rifiuti organici (quando vengono differenziate correttamente). Ma non deve essere per forza così. Le bucce possono essere riutilizzate per produrre nuovi oggetti, ad esempio i bicchieri in cui bere la spremuta stessa. Lo dimostra ‘Feel the Peel’, il juice bar circolare sperimentale ideato dallo studio di design Carlo Ratti Associati (CRA), in collaborazione con Eni, che si sta preparando a girare l’Italia per dimostrare come funziona il suo approccio all’economia circolare.

Già, ma come funziona? Il prototipo è sormontato da una spettacolare cupola di arance (circa 1.550), che scendono una dopo l’altra lungo i binari della macchina, ogni volta che si ordina una spremuta. I frutti cadono quindi nella spremitrice, che taglia le arance in due per estrarre il succo. Le bucce, invece, cadono nella parte inferiore della macchina, dove si accumulano.

Una volta essiccate, le bucce vengono polverizzare e miscelate con acido polilattico (Pla), un biopolimero di origine vegetale, per produrre una bioplastica utilizzata come materia prima da una stampante 3D per realizzare i bicchieri in cui, rispettando i principi dell’economia circolare, viene servita la spremuta stessa. Una volta usati, questi bicchieri possono essere smaltiti nell’organico.

© Riproduzione riservata

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

agricoltura di precisione tablet

Il futuro del cibo in 75 tecnologie: dall’intelligenza artificiale agli insetti le soluzioni per un sistema alimentare più sostenibile su Nature Food

Entro i prossimi trent’anni l’umanità dovrà trovare il modo di produrre una quantità di cibo …

7 Commenti

  1. Avatar

    Il peggior modo di mangiare una arancia. L’ energia sprecata per tutto questo ambaradam dove la.mettiamo? Sbuccio l’arancia e me.la.mangio e ho rifiuti zero e energia sprecata zero… perché spremerla???

  2. Avatar
    Maria Teresa Orza

    In realtà è da molti anni che non butto bucce ne di arance ne di limoni, perché una volta fatta la spremuta le bucce sottili le essicco e le polverizzo per poi riutilizzarle nei dolci, mentre le bucce più spesse, le caramello e poi ne faccio tutte scorzette di arance al cioccolato.
    Le assicuro che sia la mia famiglia che gli amici ne vanno matti, tanto da raccogliere le bucce d’arancia quando le mangiano e portarmele per farle candite.
    È diventato un vero “riciclo”

  3. Avatar

    Luca…ma hai idea dello spreco di energia di questa roba qui???? Ti piace la.spremuta ???? Spremiagrumi manuale, olio di gomito e bicchiere di vetro.

  4. Avatar

    ovviamente si sta parlando di una spremuta al bar, non a casa tua….invece in questo senso io la trovo un’idea eccezionale e non credo affatto sia un dispendio di energia (e comunque perfezionabile)

  5. Avatar

    Le bucce delle arance le butto nel cumulo del compost. Non ci credevo, eppure si decompongono insieme agli altri residui vegetali. Unica attenzione: non esagerare con la quantità.

  6. Avatar

    e che roba… siamo in italia parliamo e scriviamo in italiano, grazie