Home / Controlli e Frodi / Epatite A: raddoppiano i casi anche in Italia. Causa probabile: frutti di bosco congelati contaminati importati dall’Est

Epatite A: raddoppiano i casi anche in Italia. Causa probabile: frutti di bosco congelati contaminati importati dall’Est

frutti di bosco
Il sistema di sorveglianza Seieva ha rilevato 417 casi di epatite acuta A, contro i 167 casi notificati nello stesso periodo l’anno precedente

L’epatite A, un tempo malattia endemica in Italia, da anni è in calo. L’incidenza è diminuita grazie al miglioramento delle condizioni igieniche, sanitarie e sociali e alla crescente consapevolezza del rischio connesso ad alcune abitudini come quella di consumare i frutti di mare crudi. Tuttavia, da circa vent’anni periodicamente si registrano picchi di incidenza legati a specifici fattori, come appunto il consumo di frutti di mare crudi.

 

Uno di questi episodi è iniziato a settembre del 2012 e ha fatto registrare un picco massimo nel trimestre febbraio-marzo-aprile di quest’anno. Il sistema di sorveglianza Seieva (Sistema epidemiologico integrato dell’epatite virale acuta) ha rilevato in questo periodo 417 casi di epatite A acuta, contro i 167 casi notificati nel corrispondente intervallo di tempo dell’anno precedente. Nello stesso periodo anche i sistemi di allerta europei Epidemic Intelligence di informazione per le malattie trasmesse da alimenti e acqua (Epis-Fwd) e il Centro europeo per il controllo delle malattie istituto dalla Commissione europea (Ewrs) hanno focalizzato l’attenzione su due focolai. Il primo riguarda alcuni paesi nord-europei (presumibilmente legato al consumo di frutti di bosco congelati di importazione extra-Eu); il secondo un gruppo di turisti che hanno trascorso una vacanza in Egitto. Ai primi di maggio sono stati segnalati anche alcuni casi di Epatite A tra dei turisti stranieri che avevano soggiornato in Nord Italia.

 

frutti bosco misti
I frutti di bosco congelati potrebbero essere all’origine dell’infezione, ma sono necessarie ulteriori indagini

Tutto ciò ha spinto nel mese di maggio le autorità sanitarie a cercare di individuare le possibili cause e circoscrivere le epidemie. «Il Ministero si è mosso tempestivamente – spiega Anna Rita Ciccaglione, direttore del reparto epatiti virali dell’Istituto Superiore di Sanità e membro del gruppo che partecipa alle indagini – convocando un gruppo multidisciplinare cui sono affidati diversi compiti: dall’individuazione della fonte dell’infezione al controllo della diffusione della malattia. I frutti di bosco congelati potrebbero essere all’origine dell’infezione, ma sono necessarie ulteriori indagini. Per quanto riguarda la parte affidata all’Istituto, il sistema di vigilanza sta funzionando bene e riceviamo aggiornamenti quotidiani che ci permettono di seguire la situazione molto da vicino. È prematuro esprimersi sul numero dei casi, anche perché l’elaborazione dei dati forniti dalle Regioni è ancora in corso».

 

Sotto la lente dei ricercatori c’è anche un caso particolare registrato in Trentino, con 27 contagiati nei primi 5 mesi del 2013, con un aumento significativo rispetto alle poche infezioni che si registrano normalmente nella regione. Anche qui, i primi indiziati sono i frutti di bosco congelati provenienti da altri paesi e utilizzati spesso per guarnire i dolci, ma le indagini sono ancora in corso e al momento non vi sono certezze. Sarebbe stato escluso il coinvolgimento dei frutti di bosco locali, mentre sono in corso test su prodotti provenienti da Bulgaria, Polonia, Serbia e Canada.

 

144122062
Per contenere i rischi è indispensabile consumare alimenti cotti e lavare accuratamente tutto ciò che si consuma crudo

Sembrerebbe trattarsi, ancora una volta, di un frutto contaminato che è sfuggito ai controlli delle filiere internazionali, come avvenuto poche settimane fa per la carne di manzo contraffatta con carne di cavallo. Tra le diverse forme patologiche questa epatite A è meno pericolosa, anche se si manifesta in forma acuta (stanchezza, febbre, disturbi gastrointestinali e ittero), ed è caratterizzata da un esito per lo più benigno e sovente asintomatico, soprattutto nei bambini. La malattia è letale nello 0,3% dei casi, valore che, se la persona colpita ha più di 50 anni, sale all’1,8%. La trasmissione è prevalentemente oro-fecale e il virus, a singolo filamento, viene ucciso dalla cottura ma non dal congelamento: da qui i sospetti anche su alimenti congelati come i frutti di bosco. Per contenere i rischi è indispensabile consumare alimenti cotti e lavare accuratamente tutto ciò che si consuma crudo.

 

Agnese Codignola

© Riproduzione riservata

Foto: Photos.com

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Le frodi alimentari segnalate da Coldiretti sono risibili, quelle vere come Prosciuttopoli non ci sono!

Il comunicato stampa di Coldiretti sulle Agromafie del 14 febbraio 2019, ripreso da diversi media …

2 Commenti

  1. Ma come si fa a lavare i frutti di bosco congelati…?