Home / Recensioni & Eventi / “Segreti e insidie del cibo ultra-trasformato”: il nuovo dossier de Il Fatto Alimentare. Tutto quello che c’è da sapere su alimenti industriali e salute

“Segreti e insidie del cibo ultra-trasformato”: il nuovo dossier de Il Fatto Alimentare. Tutto quello che c’è da sapere su alimenti industriali e salute

fast foodOgni settimana vengono pubblicati studi che dimostrano come il cibo ultra-trasformato faccia ingrassare, oltre alle correlazioni che esistono tra malattie croniche come il diabete (o addirittura il cancro) e uno stile alimentare basato su questi prodotti. D’altro canto non c’è molto da meravigliarsi: basta considerare quanto è cambiata negli ultimi cinquant’anni l’offerta di prodotti alimentari. Una volta, il pasto era un momento conviviale a cui si dedicava molto tempo. Oggi non è più così. Il risultato è che mangiamo sempre più spesso fuori casa, e durante la giornata abbondano le occasioni per consumare merendine e snack. Si tratta di uno stile di vita che spiana la strada al consumo di prodotti pronti trasformati e ultra-trasformati industriali, che spesso contengono troppo sale, zucchero e grassi, a scapito di cibi semplici come frutta, verdura, legumi e cereali integrali. 

Non c’è quindi da stupirsi se i tassi di sovrappeso, obesità e il numero di malattie croniche correlate crescono in tutta Europa. In Italia la percentuale di bambini affetti da sovrappeso o obesità arriva al 30%. Per gli adulti la percentuale sale addirittura al 45,1%, cioè quasi la metà della popolazione, mentre il diabete colpisce 4 milioni di persone, il 90% affette dal tipo 2.

Il problema è molto sentito anche all’estero, tanto che una Commissione d’inchiesta del Parlamento francese ha pubblicato un corposo rapporto su “Alimentazione industriale: qualità nutrizionale, ruolo nell’emergenza delle patologie croniche, impatto sociale e ambientale”, con 38 raccomandazioni e consigli che dovrebbe essere adottati per migliorare la qualità nutrizionale del cibo ultra-trasformato e ottimizzare la sicurezza e l’etichettatura. 

Prendendo spunto da questo rapporto, Il Fatto Alimentare ha realizzato un dossier che riprende alcuni temi trattati, focalizzando l’attenzione sul cambiamento dei modelli alimentari e sulle possibili soluzioni, proponendo alcune delle raccomandazioni francesi che potrebbero essere tranquillamente adottate nel nostro Paese, se non all’Europa intera.

segreti e insidie del cibo ultratraformato copertina dossierAi lettori interessati a ricevere l’e-book Segreti e insidie del cibo ultra-trasformato chiediamo di fare una donazione libera cliccando qui. Poi basta inviare una mail in redazione per ricevere l’e-book in pdf.

Chi non ha questa disponibilità lo può ricevere gratuitamente scrivendo in redazione all’indirizzo ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it.

© Riproduzione riservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

sana restart salone biologico 2020

Sana Restart, il 9 ottobre apre a Bologna il Salone internazionale del biologico 2020 con la seconda edizione di Rivoluzione Bio

Nonostante la pandemia, il Salone internazionale del biologico sta per aprire le sue porte al …

5 Commenti

  1. Avatar

    io mangio pasta, frutta e verdura, pochissima carne ( quasi esclusivamente cavallo) molto pesce , zero prodotti industriali.
    E prendo perso lo stesso.

    • Avatar

      Sig.Federico bisogna tenere in considerazione anche le quantità e associare del movimento fisico.buongiorno

    • Avatar

      Federico, evidentemente non fai attività fisica. Pure io. L’unico consiglio che posso darti è di diminuire costantemente nel tempo la quantità delle cose che mangi a cominciare dagli intingoli, finchè non ti accorgi che incominci a perdere peso. Così ho fatto io e funziona. Però devi abituarti a finire i pasti con un po’ di fame insoddisfatta. Ci vogliono alcuni mesi, ma pian piano in fisico si abitua ad una minore alimentazione e il sensi di fame a fine pasto lentamente scompare.

  2. Avatar

    Sig. Federico, dicono tutti così! 😀

    • Avatar

      E senza contare la domanda più scontata, ma fondamentale: quante ore sedentarie vs ore di attività fisica? 😉