Home / Packaging / La doggy-bag arriva in alcuni ristoranti e pizzerie di Milano: mai più sprechi e proventi devoluti agli amici quattro zampe

La doggy-bag arriva in alcuni ristoranti e pizzerie di Milano: mai più sprechi e proventi devoluti agli amici quattro zampe

In America nei fast-food, nei ristoranti cinesi e anche nei gourmet di lusso quando alla fine della cena rimane qualcosa nei piatti (evento frequente, visto le porzioni big-size), il cameriere chiede al cliente se desidera la doggy-bag (borsa per il cane).

Si tratta di una scatola di cartone o di plastica, a volte un sacchetto, dove mettere gli avanzi del pasto da portare a casa. La «borsa per il cane» fa solo finta di essere tale: gli americani danno per scontato che spesso il cibo venga consumato il giorno dopo dal cliente.

Da noi non si usa e se qualcuno lo fa, chiede sottovoce al cameriere un po’ di carta d’argento  dicendo che «a casa ho un pastore tedesco».

Le cose potrebbero cambiare. A Milano – capitale delle tendenze –  alcuni ristoranti, pub, fast-food e pizzerie hanno deciso di adottare un contenitore ad hoc per gli avanzi dei i clienti che desiderano evitare lo spreco di alimenti e  ridurre lo smaltimento dei rifiuti.

Siccome siamo in Italia, non ci si accontenta di un involucro qualsiasi: “Doggy-Bag” è un marchio registrato, e consiste in una stopper di carta con un logo a colori, nella quale trasportare il contenitore per il cibo, nero, con una linea quasi di… design e adatto per entrare direttamente nel microonde (caso mai qualcuno avesse ancora dei dubbi su chi sia l’utilizzatore finale). 

Va bè: ai fini ecologici e di risparmio forse la versione griffata del contenitore per avanzi è un po’ esagerata, e poco in linea con l’austerità che imporrebbe il “non si butta niente” . In compenso, però, i proventi della Doggy-Bag verranno devoluti al canile di Milano, alla Fondazione Fratelli di San Francesco Onlus e all’ambulatorio veterinario della Asl.

La “schiscetta” trendy fa il suo debutto ufficiale il 22 maggio, durante la seconda Advantix Running, corsa non competitiva per cani e padroni, al Parco Sempione: tutti i partecipanti la riceveranno in omaggio, mentre la quota d’iscrizione verrà destinata alla Lega del Cane.

I ristoranti che aderiscono all’iniziativa saranno riconoscibili dal logo “Doggy-Bag”  sulla vetrina o nel menù, e l’elenco si trova sul sito www.doggy-bag.it.

Mariateresa Truncellito

Foto in alto: Photos.com

 

Avatar

Guarda qui

Pellicole antibatteriche al chitosano: un nuovo materiale per proteggere gli alimenti dal guscio di crostacei e insetti

Le pellicole per proteggere il cibo del futuro potrebbero arrivare dal guscio dei crostacei e …

4 Commenti

  1. Avatar

    E pensare che quando lo si fa al sud nei matrimoni o eventi al ristorante ti chiamano "terrone"… Adesso a Milano fa chic!

  2. Avatar

    desidero solo segnalare che a Torino da piu’ di 1 anno c’e’ un ristorante, dove ho mangiato, che propone la Doggy bag. e’ una buona abitudine che spero si allarghi a tanti altri locali

  3. Avatar

    L’ho sempre fatto portando un sacchetto da casa… Non trovo nulla di male o di vergognoso nella cosa, anzi!

  4. Avatar

    D’accordissimo con Marco, la vergogna è buttare il cibo!!!!