;
Home / Pubblicità & Bufale / La Disney dice basta alla pubblicità del cibo spazzatura. Topolino in USA promuoverà solo alimenti sani per i bambini

La Disney dice basta alla pubblicità del cibo spazzatura. Topolino in USA promuoverà solo alimenti sani per i bambini

La Walt Disney americana ha deciso di eliminare gli spot del cibo spazzatura dai propri canali televisivi, dalle stazioni radio e dai siti web. Il divieto viene incontro alla richieste di genitori e nutrizionisti che chiedono la promozione di cibi salutari e la diffusione di abitudini alimentari più sane per bambini e ragazzi.

 

Queste scelte per la Walt Disney non sono una novità, nel 2006 la società mette a punto linee guida nutrizionali per migliorare la qualità di cibo e bevande offerte. Un’altra iniziativa è stata smettere di abbinare giocattoli che pubblicizzano i propri film ai pasti dei bambini.

 

L’azienda sostiene che anche i grandi marchi possono avere un ruolo nella lotta all’obesità e, come dichiarato dall’amministratore delegato Robert A. Iger, non si tratta di altruismo, ma di business intelligente. Le iniziative sono state illustrate il 5 giugno in una conferenza stampa congiunta cui ha preso parte anche Michelle Obama, che definisce il progetto «un punto di svolta per la salute dei nostri figli».

 

Le nuove direttive per le pubblicità di cibi e bevande della Walt Dismey saranno completate entro il 2015, e seguiranno le linee guida federali, promuovendo il consumo di frutta e verdura e limitando calorie, grassi saturi, sodio e zucchero.

 

Infine è stato presentato il marchio “Mickey Check”, un logo che avrà il compito di segnalare bibite, cibi e menu che soddisfano gli standard nutritivi dell’azienda.

L’annuncio di Disney, grazie anche al supporto della First lady americana, potrebbe spronare i concorrenti a fare lo stesso, innescando un circolo virtuoso.

 

Valeria Nardi

Foto: Photos.com

 

Avatar

Guarda qui

La pubblicità dei prodotti per la colazione dei bambini contribuisce ad allontanarli dalla dieta mediterranea

Se i bambini dell’area del Mediterraneo stanno velocemente raggiungendo i coetanei americani e asiatici per …