Home / Lettere / Morire per dimagrire. Dopo l’ennesimo uso di sostanze illecite e pericolose, ecco l’appello del dietologo Marcello Ticca

Morire per dimagrire. Dopo l’ennesimo uso di sostanze illecite e pericolose, ecco l’appello del dietologo Marcello Ticca

dieta dimagrire
Dimagrire trovando la scorciatoia? L’uso di farmaci vietati può portare a danni anche gravi, fino alla morte

Pochi giorni fa il quotidiano la Repubblica, nella pagina di cronaca dedicata a Roma, raccontava la storia di una donna desiderosa di dimagrire in fretta che in seguito a una cura con pillole a base di efedrina prescritte da un medico è deceduta. Il professionista è stato condannato a due anni di reclusione e a una multa di oltre 170 mila euro per avere somministrato alla paziente questo preparato galenico fatto preparare in una farmacia. Purtroppo non è l’unico caso di pazienti che si rivolgono al medico con richieste assurde e di professionisti che violano le regole deontologiche prescrivendo farmaci vietati dalla normativa.

Riceviamo e pubblichiamo questo appello di Marcello Ticca che invita i pazienti a diffidare da tutte le cure miracolose per perdere peso.

 

dieta dimagrire farmaci
L’efedrina rientra tra i farmaci vietati per dimagrire.

Nonostante tutto quello che si cerca di fare per una migliore informazione, certi eventi negativi si ripetono puntualmente: ancora una volta un medico è stato condannato per aver provocato la morte di una paziente obesa somministrandole a scopo dimagrante, come farmaco galenico, una miscela di sostanze (spesso ad azione contrastante fra i vari componenti) proibite da anni. Nel caso specifico la sostanza incriminata è l’efedrina, un simpaticomimetico la cui struttura è simile all’adrenalina e il cui uso lecito – come broncodilatatore – viene spesso sfruttato per coprirne la illecita utilizzazione come antifame. Non ci stancheremo mai di ripetere che non disponiamo di farmaci antifame innocui e davvero utili, e di ricordare che se davvero ce ne fossero figurerebbero trionfalmente negli elenchi ufficiali e verrebbero ben volentieri prescritti alla luce del sole invece di essere prodotti semiclandestinamente e soltanto in certe farmacie.

dieta bilancia
Per dimagrire è importante affidarsi a professionisti che non utilizzino sistemi facili

Bisogna dunque diffidare dei cosiddetti dietologi che affrontano problemi complessi come quelli del sovrappeso o della obesità, non proponendo una dieta corretta e uno stile di vita migliore, ma illudendo i pazienti con il miraggio di pietre filosofali inutili e potenzialmente dannose. La vera arma contro questi comportamenti più che negli editti ministeriali sta in un coinvolgimento attivo dei pazienti. La battaglia contro chi assurdamente pretende di curare sovrappeso e obesità con sostanze come le anfetamine, sostanze i cui effetti collaterali -a carico del sistema cardiovascolare- sono gli stessi della obesità medesima, potrà essere vinta soltanto se gli interessati impareranno a rifiutare questi “aiuti” illusori e pericolosi. Dal medico occorre  pretendere solo indicazioni serie e personalizzate su come alimentarsi meglio e su come migliorare il proprio stile di vita.

 

Marcello Ticca, dietologo, vice presidente SISA (Società Italiana Scienza dell’Alimentazione)

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Sugar tax tassa zucchero

Sugar tax: inviate alla ministra Grillo 340 firme di medici, nutrizionisti, dietisti, pediatri favorevoli alla tassa e di 10 società scientifiche

Oggi Il Fatto Alimentare ha presentato alla Ministra della salute Giulia Grillo, le 340 firme …

Un commento

  1. Dieta per dimagrire velocemente