;
Home / Etichette & Prodotti / È possibile usare la denominazione “Focaccia barese” anche se il prodotto è senza pomodoro?

È possibile usare la denominazione “Focaccia barese” anche se il prodotto è senza pomodoro?

focaccia bareseRiceviamo e pubblichiamo questa lettera in merito alla denominazione del Prodotto agricolo tradizionale “Focaccia barese” e la relativa risposta dell’avvocato Dario Dongo, esperto di legislazione alimentare.

Buongiorno,

vorrei porvi un quesito sull’etichettatura della Focaccia barese. Sono un produttore di prodotti salati da forno e fino a oggi ho sempre confezionato e venduto questa specialità preparata con il pomodoro, come da tradizione. Ho recentemente avuto una richiesta per una produzione senza pomodoro, nella variante senza pomodoro con olive e senza pomodoro con origano. Il processo di produzione, lievitazione e ingredientistica di queste varianti è lo stesso, ciò che viene a mancare è il pomodoro. In questo caso è possibile utilizzare la dicitura in etichetta di Focaccia barese con olive, Focaccia barese con rosmarino e Focaccia barese bianca nonostante venga a mancare questo ingrediente chiave? La Focaccia barese è un prodotto iscritto nel registro Pat e al momento non è quindi tra le specialità Igp o Dop.

Davide Minischetti

focaccia, farina
La registrazione del Prodotto agroalimentare tradizionale non ha valore giuridico

Risponde l’avvocato Dario Dongo

La “Focaccia barese è effettivamente uno dei 311 Prodotti agroalimentari tradizionali (Pat) della regione Puglia. A differenza delle indicazioni geografiche tutelate a livello europeo (es. Dop, Igp, Stg), questo tipo di registrazione è priva di valore giuridico. Il nome commerciale di un prodotto alimentare può quindi coincidere con quello di un Pat, sia pure nel rispetto dei criteri generali sulla trasparenza dell’informazione al consumatore stabiliti nel regolamento (Ue) n. 1169/11 (articoli 7, 36), nel quale si precisa che il consumatore non deve venire indotto in errore sulle caratteristiche essenziali dell’alimento (natura, composizione, metodo di produzione, origine e provenienza).

I prodotti da forno che presentano le caratteristiche della “Focaccia barese” possono perciò venire presentati con la stessa dicitura, anche quando vengano aggiunti o sottratti alcuni ingredienti. Nel caso si verifichi questa ipotesi, si raccomanda di precisare, accanto al nome, le variazioni rispetto al tema classico, per offrire ai consumatori un’informazione trasparente. Proprio come negli esempi proposti (“Focaccia barese senza pomodoro”). Per approfondimenti su etichettatura e pubblicità degli alimenti, si richiama l’ebook 1169 Pene. Reg. UE 1169/11, notizie sui cibi, controlli e sanzioni.

Dario Dongo avvocato esperto di diritto alimentare

© Riproduzione riservata; Foto: Depositphotos

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

alimenti ultra-trasformati attenzione

Per i prodotti ultra-trasformati etichette come quelle del tabacco. L’appello degli esperti

Per decenni il marketing delle grandi multinazionali alimentari ha fatto sedimentare, nel sentire comune, l’idea …

Un commento

  1. Avatar

    La vera focaccia barese è impastata con le patate..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *