Home / Coronavirus / La spesa ai tempi del coronavirus: supermercati chiusi la domenica, orari ridotti e vendita solo di beni di prima necessità

La spesa ai tempi del coronavirus: supermercati chiusi la domenica, orari ridotti e vendita solo di beni di prima necessità

Per conoscere il numero di persone colpite in Italia  clicca qui

Per conoscere il numero di persone colpite nel mondo clicca qui

Dopo le restrizioni di vendita che alcune catene di supermercati hanno imposto alle categorie merceologiche “non essenziali” come cancelleria o deodoranti per l’ambiente, le polemiche sulla spesa nei tempi dell’emergenza coronavirus non si placano. Ieri la Regione Lazio, i sindacati confederali del commercio e le rappresentanze della grande distribuzione hanno raggiunto un accordo sugli orari: i supermercati saranno aperti dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 19, la domenica invece fino alle 15, mentre non ci saranno più punti vendita aperti 24 ore su 24.

Alcune insegne del Mezzogiorno, tra cui Carrefour, Coop, Despar, Eurospar, Interspar e Famila, hanno deciso di tenere completamente abbassate le serrande per le prossime due domeniche. È probabile che nei prossimi giorni anche altre Regioni seguano l’esempio del Lazio, alcune catene, come Lidl e Coop, hanno già ridotto l’orario di apertura.

supermercati coronavirus orari
Le catene del mezzogiorno che chiuderanno le prossime due domeniche

Gli orari più stringenti e lo stop domenicale permetteranno ai dipendenti di godere di qualche ora di riposo e di spostarsi con i mezzi pubblici prima delle 21, orario della fine di servizio, ripristinare le scorte in magazzino e soprattutto limitare gli assembramenti.

I gestori hanno inoltre l’obbligo di limitare gli accessi della clientela, garantire gli spazi interpersonali e sanificare i luoghi di lavoro.

L’avviso sul sito della Lidl per venire incontro all’emergenza coronavirus

Nel frattempo Nielsen fotografa i cambiamenti nelle abitudini di acquisto degli italiani al tempo della pandemia. Sono il 40% in più le persone che dichiarano di aver ridotto la frequenza di visita nei supermercati, negozi di alimentari (38%) e mercati rionali (63%), mentre aumenta la propensione a fare scorte di generi alimentari (28%). Complessivamente le misure restrittive del decreto governativo dell’8 marzo sono giudicate corrette dalla popolazione.

Tra queste ai cittadini è richiesto di uscire solo se strettamente necessario e di non fare lunghi spostamenti per andare a fare acquisti. Una richiesta che forse non tiene conto delle fasce economicamente più fragili della popolazione che in un periodo di crisi, anche economica, scelgono il supermercato meno caro.

L’avviso della Coop

Di seguito l’elenco dei negozi che possono restare aperti (garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro e i nuovi orari):
Ipermercati
Supermercati
Discount di alimentari
Minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari
Commercio al dettaglio di prodotti surgelati
Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici
Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2)
Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati
Commercio al dettaglio apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4)
Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiale elettrico e termoidraulico
Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari
Commercio al dettaglio di articoli per l’illuminazione
Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici
Farmacie
Commercio al dettaglio in altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica
Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati
Commercio al dettaglio di articoli di profumeria, prodotti per toletta e per l’igiene personale
Commercio al dettaglio di piccoli animali domestici
Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia
Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento
Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato per televisione
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto per corrispondenza, radio, telefono
Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici
Mense e del catering continuativo su base contrattuale
Ristorazione con consegna a domicilio
Esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo la rete stradale, autostradale e all’interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali
Servizi bancari, finanziari, assicurativi
Attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi
Lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia
Attività delle lavanderie industriali
Altre lavanderie, tintorie
Servizi di pompe funebri e attività connesse

Altri articoli di approfondimento sul sito

-Coronavirus, quanti giorni ancora? Le previsioni del Mario Negri sul numero dei malati e sulla durata in un articolo del Lancet del 16 marzo 2020

-Coronavirus: pasta, cibo in scatola e disinfettante. Coop fotografa la spesa degli italiani in tempi di pandemia del 16 marzo 2020

-Coronavirus: nei supermercati Coop barriere di plastica e guanti per fare la spesa in sicurezza del 13 marzo 2020

Coronavirus: il confronto con la Cina per capire a che punto del 12 marzo 2020

Coronavirus, non ci sono prove di trasmissione alimentare. Lo dicono Efsa, Ecdc e BfR del 12 marzo 2020

Coronavirus: non contagia fino a 4,5 metri e non sopravvive 9 giorni. Lo dicono: Università Teramo, Mario Negri e Iss dell’11 marzo 2020

Coronavirus: no, le bevande calde non proteggono dall’infezione. La bufala smontata da “Dottore, ma è vero che…?” dell’11 marzo 2020

Coronavirus: cosa fare se si sospetta il contagio? Vademecum dell’Istituto superiore di sanità del 10 marzo 2020

Coronavirus: l’acqua del rubinetto non è pericolosa. L’Istituto superiore di sanità spiega perché non serve la minerale del 9 marzo 2020

Coronavirus: come capire quando l’influenza non è normale. I sintomi descritti dall’Istituto superiore di sanità dell’8 marzo 2020

Coronavirus, intervista a Walter Ricciardi sul sito Quotidiano Sanità: i numeri del contagio sottostimati in Europa del 6 marzo 2020

Cibo, sicurezza & coronavirus. Le precauzioni da prendere in cucina spiegate da Antonello Paparella del 6 marzo 2020

Coronavirus: 81 anni l’età media dei 105 morti. In due terzi dei casi c’erano patologie preesistenti del 5 marzo 2020

Coronavirus: è efficace l’isolamento sociale? Sì, quando c’è un’epidemia. Lo spiega l’Istituto superiore sanità del 5 marzo 2020

Coronavirus e animali domestici: non esistono prove di trasmissione a cani e gatti, scrive l’Istituto superiore di sanità del 3 marzo 2020

Il vaccino per il coronavirus arriverà, ma non prima dell’anno prossimo. Lo spiega Clavenna del Mario Negri del 2 marzo 2020

Coronavirus: gravidanza, allattamento e parto cosa fare? Le regole dell’Istituto superiore di sanità per la mamma e il bambino, del 1 marzo 2020

Coronavirus: le regole da seguire su mascherine, igiene, tosse e raffreddore dell’Istituto superiore di sanità del 26 febbraio 2020

Coronavirus: le parole da conoscere come “contatto stretto” o “asintomatico” le spiega il glossario dell’Iss del 25 febbraio 2020

Coronavirus: domande e risposte sulla trasmissione in Italia e su cosa devono fare i donatori e le persone in gravidanza del 24 febbraio 2020

Coronavirus, seri sospetti sui pangolini responsabili della trasmissione all’uomo. Stretta in Cina sul commercio di animali vivi del 24 febbraio 2020

Coronavirus: igiene, prevenzione, cibo e animali, cosa fare? Le domande e le risposte del ministero del 23 febbraio 2020

Coronavirus: sintomi e modalità di trasmissione, le domande e le risposte del ministero della Salute del 23 febbraio 2020

Coronavirus: come distinguerlo dalla normale influenza? L’Iss risponde ai dubbi più comuni del 6 febbraio 2020

-Coronavirus, i casi aumenteranno. Oltre 200 morti e quasi 10.000 persone infettate. Il parere di Giuseppe Novelli genetista di Tor Vergata del 31 gennaio 2020

-Coronavirus: primi due casi in Italia. L’Oms dichiara lo stato di emergenza sanitaria globale del 31 gennaio 2020

-Cina il coronavirus avanza: le domande e le risposte degli esperti. Le probabilità di arrivo in Italia. Nessun problema per i ristoranti cinesi del 27 gennaio 2020

 

© Riproduzione riservata

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

coronavirus malattia influenza

Coronavirus: cosa sappiamo sull’infezione, spiegato in breve dal New York Times

Ha fatto notizia la recente decisione del Comitato tecnico scientifico (Cts) di ridurre la quarantena …

6 Commenti

  1. Avatar

    è da 15 giorni ormai che sentiamo di continuo di restare a casa, viene continuamente ripetuto che ai supermercati si va solo per una spesa settimanale, ma purtroppo sappiano che non è cosi’, il supermercato viene usato come mezzo d uscita io che lavoro in una grande distribuzione posso tranquillamente dire che piu’ del 50% delle le persone non rispetta tale regola.Capita molto spesso che a fine giornata si viene a comprare merce per passare la serata tipo birre, vino, biscotti, e io sono la con una mascherina da 6 ore ad aspettare queste persone che se ne fregano del prossimo. Bisogna ridurre gli orari, come già certi supermercati hanno pensato di fare deve essere una regola uguale per tutti. voglio sottolineare che noi italiani se abbiamo 100 usiamo 100 ma se abbiamo 50 ci sappiamo organizzare per avere 50. Dobbiamo essere uniti . ANDRA’ TUTTO BENE Patrizia

    • Avatar

      Sono un consumatore e la riduzione degli orari dei supermercati la trovo una idea becera e senza senso.
      Ad esempio andare a fare compere (essenziali) alle 23 con molta meno calca secondo me abbassa e di molto il rischio di contagio. Meno ore a disposizione per fare spesa significa di fatto più affluenza e più rischi.
      Ringrazio gli operatori del settore, sono in trincea e rischiano tantissimo

  2. Avatar

    Faccio anche io la cassiera e confermo che ci sono troppi idioti che non capiscono la situazione!! A volte ci prendono in giro perché abbiamo la mascherina… Soprattutto gli anziani che sono più a rischio…non ci sono parole. Se non STATE A CASA!!!

    • Avatar

      Io sono un familiare di un dipendente supermercato. Sono molto preoccupata per la situazione, i supermercati sono dall’inizio della pandemia quelli presi d’assalto da migliaia di persone. Non sono stati presi provvedimenti seri per i dipendenti che lavorano tuttora senza mascherine o con mascherine che hanno ormai 15 giorni ed in certi casi vengono pure presi in giro perché le usano. Noi come familiari siamo in ansia per i nostri cari e ci siamo messi volontariamente in quarantena perché temiamo che prima o poi anche se #iorestoacasa il virus ci venga a trovare a domicilio

  3. Avatar
    RITA Polverini

    IO CREDO CHE LE DERRATE ALIMENTARI DEBBANO ARRIVARE SEMPRE ANCHE LA DOMENICA.
    UN SERVIZIO COME QUESTO NECESSARIO NON PUÒ ESSERE TAGLIATO AL CITTADINO.
    ANCHE DAL LUNEDI AL SABATO POTRESTE CORRERE RISCHI, QUINDI NON LAVORARE LA DOMENICA SIGNIFICA LASCIARE SENZA MANGIARE TANTISSIME PERSONE.
    IN TEMPI DI EMERGENZA QUESTO SERVIZIO DEVE ESSERE GARANTITAO.
    IO FAREI UN RICORSO CONTRO QUESTO PROVVEDIMENTO.

  4. Avatar
    claudio panzironi

    Non so quanto sia opportuno limitare gli orari di apertura dei negozi di alimentari: riducendo i tempi di apertura si aumentano quelli di attesa con la conseguenza di creare assembramenti che si vorrebbero limitare. Sabato scorso me la sono cavata in mezz’ora, ieri ho dovuto rinunciare per due volte e recarmi in un altro esercizio più distante da casa. Siamo inoltre sicuri che in una giornata ventosa lo spazio di sicurezza mentre si sta fermi sul marciapiede resti sempre di un metro? Altra considerazione è che non tutti gli esercizi commerciali assicurano spazi interni e aereazione tali da operare in sicurezza. Ma la cosa più difficile da capire è cosa restino aperti a fare i tabaccai. In un’emergenza sanitaria come questa il fumo, il lotto e i gratta e vinci sono un bene primario? Anche i servizi di pagamento bollette sono divenuti meno importanti dal momento che i pagamenti sono stati dilazionati. Quindi proprio stento a capire