Home / Pianeta / Coronavirus: quanto sopravvive nell’ambiente? Poco. Basta disinfettare con alcol e candeggina per stare tranquilli

Coronavirus: quanto sopravvive nell’ambiente? Poco. Basta disinfettare con alcol e candeggina per stare tranquilli

Il numero di  persone colpite dall’epidemia di coronavirus continua ad aumentare. Oggi è stata superata la soglia dei 40 mila casi confermati e i morti sono oltre 900. Il numero è elevato ma c’è un dato che si spera venga confermato nei prossimi giorni: la crescita dei malati non è più esponenziale come prima (per conoscere il numero di persone colpite in tempo reale clicca qui).  Non tutto è però così chiaro, visto che qualcuno ipotizza una modifica del sistema di calcolo dei casi fatto delle autorità sanitarie cinesi.

In questi giorni è apparso in rete uno studio tedesco secondo cui il virus resisterebbe attivo sulle superfici per circa nove giorni. “Lo studio non deve creare allarme – afferma Gianni Rezza, direttore del Dipartimento malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità. – Questo elemento, ancora da dimostrare e condotto su altri coronavirus e non su quello cinese, non fa la differenza sul contenimento precoce dell’epidemia. Da quello che sappiamo rispetto alle precedenti malattie infettive respiratorie, Mers e Sars, infatti, il nuovo coronavirus si trasmette molto più velocemente e la via di trasmissione da temere è soprattutto quella respiratoria, non quella da superfici contaminate. È comunque sempre utile ricordare – continua Rezza–  l’importanza di una corretta igiene delle superfici e delle mani. Anche l’uso di detergenti a base di alcol sono sufficienti a uccidere il virus”.

I disinfettanti contenenti alcol al 75% sono efficaci per distruggere il virus sulle superfici

Ecco come risponde l’Istituto superiore di sanità ad alcuni quesiti in tema di pulizia delle superfici di casa:

  • I disinfettanti contenenti alcol (etanolo) al 75% sono efficaci per distruggere il virus sulle superfici.
  • La candeggina è efficace per disinfettare superfici e pavimenti? I disinfettanti a base di cloro all’1% sono in grado di disinfettare le superfici distruggendo il virus.
  • Il lavaggio e la disinfezione delle mani sono la chiave per prevenire l’infezione. Bisogna lavarsi le mani spesso e accuratamente con acqua e sapone per almeno 20 secondi. Se non sono disponibili acqua e sapone, è possibile utilizzare anche un disinfettante per mani con almeno il 60%di  alcol. Il virus entra nel corpo attraverso gli occhi, il naso e la bocca, quindi evita di toccarli con le mani non lavate.

© Riproduzione riservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Boccioni di acqua: una moda sempre più diffusa. Si risparmiano plastica e soldi

Bottigliette di plastica del distributore? L’alternativa sempre più diffusa sono i boccioni di acqua di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *