Home / Etichette & Prodotti / Che cosa c’è dentro un Cordon Bleu? Troppa carne separata meccanicamente dice il blogger di Papille Vagabonde

Che cosa c’è dentro un Cordon Bleu? Troppa carne separata meccanicamente dice il blogger di Papille Vagabonde

carne impanata Günther, il blogger di Papille Vagabonde, ha pubblicato un’interessante analisi comparativa sui piatti pronti da cuocere a base di carne di pollo e tacchino con un ripieno di formaggio e prosciutto venduti come “Cordon Bleu”.

I prodotti presi in considerazione in vendita nei supermercati sono 6.

1)  Cordon Bleu Coop

2)  Cordon Bleu Classico Aia

3)  Cordon Bleu Fileni

4)  Cordon Bleu con prosciutto e formaggio Amadori

5) Cordon Bleu Pam

6)  Cordon bleu di pollo e tacchino confezione risparmio c/r (venduto nei supermercati Esselunga ma senza il marchio della catena, dal codice sull’etichetta IT 762L CE  si desume che è prodotto da AIA).

Ed ecco alcuni tra i risultati più interessanti dell’analisi comparativa.

 

Il primo elemento preso in esame riguarda la quantità di carne. Mentre un Cordon Bleu preparato a casa contiene almeno il 60-70% di petto di pollo o di tacchino, nei prodotti pronti la percentuale è di gran lunga inferiore e varia dal 36% al 46%, come evidenziato nella tabella. La carne rappresenta quindi una quantità rilevante ma non maggioritaria del prodotto.

 

PRODOTTO
(100 g)
CARNE  FORMAGGIO PROSCIUTTO ALTRI INGREDIENTI
Cordon bleu casalingo 70 10 10 10
Aia 46 4 5,15 44,85
Fileni 42 7,1 6 44,9
Coop 41 7,45 5,6 45,95
Amadori 39 5,3 7,2 48,5
Cordon bleu C/R  Aia – venduto da Esselunga (*) 36 4,5 8 49
Pam 36 4,5 8 51,5

(*) venduto nei supermercati Esselunga ma senza il marchio della catena, dal codice sull’etichetta IT 762L CE  si desume che è prodotto da AIA.

 

carne-csm Günther rileva che se in casa si usa di solito il petto di pollo o di tacchino, le aziende impiegano e dichiarano in etichetta “carne di pollo” o “carne di tacchino” ma raramente utilizzano parti nobili.

Pam, Amadori, Aia, Fileni e il Cordon Bleu proposto sui banchi di Esselunga e prodotto da Aia impiegano carne separata meccanicamente (Csm) di pollo e tacchino in proporzione variabile (dal 4 % di Fileni  al 36% di Pam e del prodotto Aia venduto da Esselunga. Solo Coop  si distingue dagli altri perchè non usa carne separata meccanicamente.

 

Come Il Fatto Alimentare ha più volte scritto, la Csm è una “poltiglia rosa”, ossia un “impasto” ottenuto mediante un procedimento industriale che permette di  recuperare la maggior quantità possibile di carne spremendo ad alta pressione le carcasse dei polli contro un setaccio finissimo. La presenza di Csm, come ha scritto nel suo blog Gianna Ferretti, non si può considerare indice di qualità. In conclusione, un piatto della tradizione gastronomica internazionale viene proposto a livello industriale da alcune marche utilizzando un prodotto di mediocre qualità ottenuto dalla macellazione di pollo o di tacchino.

 

CORDON BLEU
CORDON BLEU (C/R) prodotto da Aia e venduto da  Esselunga cordon bleu c/r esselunga PAM

Cordon Bleu PAM

AMADORI

Cordon bleu Amadori

AIA

Cordon Bleu Aia

FILENI

Cordon bleu Fileni

COOP

Cordon Bleu Coop

Csm di pollo 18%

Csm di tacchino 18%

Csm di pollo 18%

Csm di tacchino 18%

Csm di pollo 8% Csm di tacchino 15% Csm di pollo 4% /
/ / Carne di pollo 12% Carne di pollo (filetto) 18% Carne di pollo 29% Carne di pollo 25%
/ / Carne di tacchino 19% Carne di tacchino 13% Carne di tacchino 9% Carne di tacchino 16%
Prosciutto cotto di tacchino 8% Prosciutto cotto di tacchino 8% Prosciutto cotto di tacchino 7,2% Prosciutto cotto di tacchino 6,5% Prosciutto cotto di pollo e tacchino 6% Prosciutto cotto di suino 5,6%
Formaggio 4,5% Formaggio 4,5% Formaggio 5,3% Formaggio 4% Preparazione al formaggio 7,1% Formaggio 7,4%
6,51 €/Kg 4,90 €/Kg 15,82 €/Kg 10,38 €/Kg 8,56 €/Kg 9,92 €/Kg

 

Quanto ai prezzi rilevati all’inizio di febbraio 2013 il blogger osserva una notevole variazione tra un prodotto e l’altro non supportate da elementi qualitativi, vista la composizione simile di ingredienti.

 

lente ingrandimento donna Quale formaggio e quale prosciutto? Sulle confezioni troviamo solo la generica scritta “formaggio”, senza altra specifica, e questo non depone certo a favore della qualità. Quanto al prosciutto nella maggior parte di casi si tratta di prosciutto di tacchino o di pollo e tacchino e non di maiale come si potrebbe immaginare. Ancora una volta Coop si differenzia dagli altri prodotti perchè usa vero prosciutto cotto di maiale.

 

Quanto al sale, fa ancora notare Günther, solo due aziende (Coop e Amadori) indicano la quantità di sodio in etichetta, quando ormai si tratta di un dato molto importante per i prodotti pronti da cuocere che di solito ne contengono troppo. L’ultimo appunto riguarda i caratteri tipografici usati per la lista degli ingredienti molte volte talmente minuscoli da risultare illeggibili.

 

Analizzando l’elenco degli ingredienti e le tabelle nutrizionali sulle confezioni si nota che tutti hanno un valore energetico più alto e contengono più grassi e carboidrati rispetto a un Cordon Bleu casalingo preso come riferimento. Se consideriamo il trattamento di frittura in padella, il contenuto di grassi e il valore calorico cresce ancor di più. Secondo Günther non bisogna pensare alle vaschette di Cordon Bleu industriali come a un piatto di carne bianca adatto a chi deve privilegiare pietanze povere di grassi saturi. Valutando però gli ingredienti risulta evidente la superiorità qualitativa di Coop rispetto agli altri prodotti industriali. Insomma se proprio siete golosi – sembra dirci il blogger – il Cordon Bleu fatevelo da soli.

 

Anissia Becerra

© Riproduzione riservata

Foto: Photos.com

  Anissia Becerra

Anissia Becerra

Guarda qui

delicious scallops and vegetables pie

Proposta l’etichettatura obbligatoria degli alimenti per vegetariani o vegani. Partita l’iniziativa popolare europea

Il 12 novembre è iniziata la raccolta di adesioni a una proposta di iniziativa popolare …