Home / Packaging / Dal 2022 i prodotti Coop avranno solo imballaggi riciclabili o compostabili. L’impegno ecologico di Italia ed Europa

Dal 2022 i prodotti Coop avranno solo imballaggi riciclabili o compostabili. L’impegno ecologico di Italia ed Europa

Le cannucce, grandi responsabili dell’inquinamento marino, saranno messe al bando dall’Unione europea

Entro il 2022, con otto anni di anticipo sulla scadenza obbligatoria del 2030 indicata dall’Unione europea, tutti i prodotti a marchio Coop saranno realizzati con materiali di imballaggio riciclabili o compostabili o riutilizzabili, mentre quelli della linea Vivi Verde, dedicata alla tutela dell’ambiente, lo saranno già a fine del 2019. Lo ha annunciato la catena della grande distribuzione, illustrando gli impegni volontari sottoscritti con la Commissione Ue per la riduzione della plastica, che coinvolgono, oltre ai negozi, la logistica, fornitori e trasportatori.

L’opera di conversione dei materiali è attualmente rivolta a bottiglie d’acqua, flaconi, vaschette per ortofrutta, cassette per trasportare carne e pesce, ma già in passato, in anticipo sulle normative europee, Coop aveva incrementato gli sforzi ecologici, utilizzando materiali sostenibili per prodotti monouso come piatti e bicchieri in PLA e bastoncini di cotone per orecchie.

Queste operazioni si inseriscono nel solco delle campagne nazionali e UE per combattere l’abuso di plastica e per sensibilizzare i consumatori sul suo dannoso impatto ambientale. L’impegno europeo è chiaro: entro il 2030 tutti gli imballaggi dovranno essere riciclabili o riutilizzabili. L’obiettivo finale include anche misure per ridurre le microplastiche, che contaminano l’acqua e il pesce, norme per l’etichettatura dei nuovi materiali biodegradabili, e strategie per ridurre l’impiego dell’usa e getta.

Da qui al 2030, sono previsti alcuni step intermedi: dal 2019 in Italia saranno messi al bando i bastoncini di cotone non biodegradabili; inoltre, dal 2021 l’Unione europea vieterà la produzione dei prodotti in plastica monouso, come stoviglie, cannucce, miscelatori per bevande e stecche per i palloncini. La legge fa parte dell’ambizioso piano per ridurre l’inquinamento marino prodotto dai paesi dell’Unione.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

bottiglie plastica mare inquinamento

Riciclare la plastica e viaggiare gratis? Adesso a Roma si può

La Svezia, una delle nazioni più green d’Europa, è famosa in particolar modo per un …