;
Home / Supermercato / Nei supermercati Coop arriva l`etichetta dell`acqua del rubinetto. Informare i consumatori per una scelta consapevole

Nei supermercati Coop arriva l`etichetta dell`acqua del rubinetto. Informare i consumatori per una scelta consapevole

La Coop Estense ha deciso di dare un’etichetta all’acqua di rubinetto. L’iniziativa riguarda solo le province di Modena e Ferrara e si inserisce nella campagna ”Acqua di casa mia” avviata nel 2010. L’obbiettivo è sensibilizzare i consumatori sull’utilizzo corretto e consapevole dell’acqua.

 

Dal 12 gennaio, nei 41 punti vendita della catena sono disponibili, nel reparto delle acque in bottiglia le cartelle informative sulle caratteristiche chimico-fisiche e microbiologiche dell’acqua distribuita nelle varie zone delle due province. Sulle schede sono presenti 6 parametri: concentrazione ioni idrogeno, cloruri, ammonio, nitrati e nitriti, residuo secco a 180° C e durezza. Per ogni valore dell’acqua è riportato il limite di legge corrispondente. I dati raccolti grazie anche alla collaborazione dei 4 gestori dei servizi idrici locali, vengono costantemente aggiornati, e permettono ai consumatori di fare una scelta consapevole.

 

«Per noi è doveroso mettere i consumatori nelle condizioni di scegliere responsabilmente quale acqua utilizzare o acquistare», precisa Isa Sala, direttore Soci e Consumatori di Coop Estense: «Esporre nei nostri negozi le etichette sulla qualità dell’acqua pubblica è una scelta forte e perfettamente coerente con i principi di tutela dell’ambiente e di promozione di un consumo consapevole, che sono tipici della nostra impresa».

 

Della stessa opinione Claudio Mazzini, responsabile Innovazione e Valori della Direzione Qualità Coop Italia: «Gli acquedotti italiani forniscono acqua potabile sottoposta a numerosissimi controlli, che da un punto di vista igienico sanitario è al di sopra di ogni dubbio». Per adesso i comuni interessati sono 29, ma aumenteranno. A breve l’iniziativa verrà estesa anche a Puglia e Basilicata

 

Valeria Nardi

 

Avatar

Guarda qui

commissione europea unione europea

Supermercati, pratiche commerciali sleali. La Commissione avvia procedure di infrazione verso 16 Stati tra cui l’Italia

La Commissione europea ha avviato procedure d’infrazione nei confronti di 12 Stati membri per il …

2 Commenti

  1. Avatar
    ROBERTO VERDENELLI

    I parametri "classici" sono ormai insufficienti per definre la qualità e soprattutto la salubrità dell’acqua del rubinetto, oggi sono NECESSARI:
    – PESTICIDI ED ERBICIDI
    – SOSTANZE ORGANICHE
    – METALLI PESANTI

    Saluti, e salute, a tutti.

    R.V.

  2. Avatar

    No direi proprio perchè secondo le ultime normative i parametri dei principali contaminanti sono stati abbassato notevolmente: per riportarla alle condizioni ideali basta eliminare il cloro al punto d’uso mentre non c’è alcun sistema permesso dalla legge per eliminare i contaminati in eccesso dall’acqua minerale (vedi boro e manganese di gran lunga superiore a quelli previsti per l’acqua potabile l’acqua potabile. L’acqua del rubinetto non va modificata nelle sue componenti a parte il cloro, cattivi sapori ed od odorri. Il sitema piu’ efficace è quello usato nelle fontanelle pubbliche ma all’interno della propria casa per avere acqua sempre fresca, non stagnate e soprattutto comoda senza dover fare penose file sotto il solleone e le intemperie.