;
Home / Supermercato / Coop: il bilancio dei progetti anti spreco “Buon fine” e ” Mangiami subito”

Coop: il bilancio dei progetti anti spreco “Buon fine” e ” Mangiami subito”

In occasione della giornata nazionale contro lo spreco alimentare Coop con il progetto “Buon Fine” nel 2020 ha recuperato 5000 tonnellate di cibo destinate a 960 associazioni di volontariato in tutta Italia. Un modello di donazione a chilometro zero in grado di generare 5,7 milioni di pasti. Si tratta di un progetto che prevede la donazione in solidarietà di merce per un valore pari a 26 milioni di euro. A beneficiarne 960 associazioni di volontariato sparse in tutte le regioni. Le donazioni Coop sono leggermente diminuite  (erano 5900 nel 2019) in virtù della particolarità dell’anno appena concluso. In controtendenza invece è cresciuto il numero delle associazioni che ne hanno beneficiato.

C’è da dire che il 70% delle donazioni interessa prodotti freschi e freschissimi e questo spiega la particolarità del modello Coop rispetto ad altri. Un modello a chilometro zero perché immediatamente dai 680 punti vendita coinvolti (il 60% della rete Coop) si raggiunge la rete capillare delle associazioni costituta da mense, case di accoglienza, ecc. A fianco delle donazioni, Coop ha sviluppato nel tempo “Mangiami subito”, un’altra misura di contrasto allo spreco alimentare, attraverso la vendita di prodotti prossimi alla scadenza a prezzi scontati (in media il 50 % a fine giornata). Queste ultime sempre nel corso del 2020 ammontavano a oltre 40 milioni di euro.

© Riproduzione riservata. Foto: Coop

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Intesa tra Grande distribuzione e rappresentanze agricole sulle pratiche sleali nel commercio

In vista del recepimento della direttiva Ue fra grande distribuzione e rappresentanzea agricole, trai vari …

2 Commenti

  1. Avatar

    Sono ben contento che coop abbia utilizzato 5000 ton di cibo non più vendibile per donazioni anzichè buttarlo. Ricordo ai consumatori che in realtà queste donazioni sono state fatte dai consumatori stessi perché il loro costo è incluso nel prezzo di vendita dei prodotti. Io però mi domando se è normale avere una quantità di invenduto così grande. In teoria diminnuendo lo scarto si potrebbe ridurre i prezzi di vendita.

  2. Avatar
    gianni.evang@gmail.com

    Ho un solo dubbio, il costo sottostante il prodotto invenduto e donato ( da Coop?) è a carico di coop o dei fornitori?