Home / Nutrizione / Il consumo di frutta può ridurre del 40% i disturbi cardiovascolari e abbassa la pressione

Il consumo di frutta può ridurre del 40% i disturbi cardiovascolari e abbassa la pressione

consumo di frutta
Consumare una porzione e mezza di frutta al giorno abbassa il rischio di malattie cardiovascolari

Secondo uno studio condotto per sette anni su 451.681 cinesi adulti, il consumo quotidiano di una porzione e mezza di frutta (circa 150 grammi) abbassa significativamente la pressione e riduce del 15% il rischio di cardiopatia ischemica, del 25% quello di ictus ischemico e del 40% quello di ictus emorragico.

In un’analisi separata, i ricercatori hanno esaminato il rischio di morte tra le persone colpite da malattie cardiovascolari o ipertensione, verificando che chi mangiava quotidianamente frutta aveva un minor rischio del 32%, rispetto a chi non la mangiava mai. In particolare, il rischio di morte per cardiopatia ischemica è risultato minore del 27% e quello per ictus del 40%.

 

Lo studio, condotto presso la China Kadoorie Biobank su persone senza storie di disturbi vascolari e che non stavano assumendo farmaci per l’alta pressione, è stato guidato dal dr. Huaidong Du, dell’Università di Oxford ed è stato presentato al congresso dell’European Society of Cardiology. I partecipanti, provenienti da aree sia rurali che urbane, sono stati suddivisi in cinque categorie, secondo le abitudini di consumo di frutta: mai (6,3%), una volta al mese, una volta alla settimana, fino a tre volte la settimana, tra quattro e sei volte la settimana, tutti i giorni (18%).

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Flight attendant serving drinks to passengers on board.

Mangiare in aereo: attenzione al sale e alle bevande calde servite a bordo. L’analisi delle compagnie americane

Come avviene ormai da qualche anno, in occasione delle imminenti festività del Giorno del Ringraziamento …

Un commento

  1. Avatar

    Sig Beniamino, sarebbe utile se riportasse gli estremi dell’articolo, per chi volesse approfondire 🙂