Home / Etichette & Prodotti / Stop alla bugia dei conigli allevati a terra. Aia deve cambiare l’etichetta avallata dal Ministero e dagli animalisti

Stop alla bugia dei conigli allevati a terra. Aia deve cambiare l’etichetta avallata dal Ministero e dagli animalisti

conigli Aia etichettaNon esistono conigli allevati a terra, tutti gli animali cresciuti nei capannoni vivono in gabbie più o meno grandi. Per questo motivo Aia deve cambiare la dicitura “allevati a terra” proposta a carattere cubitali sulle etichette (vedi foto sopra). Lo ha deciso, con un certo ritardo, il Comitato di Controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria in risposta a una richiesta inviata sette mesi fa dall’Associazione coniglio italiano.

La verità è che in Italia solo una piccola parte di conigli cresce in gabbie benessere, chiamate anche “recinti” o “park” (vedi foto sotto). Questi alloggi sono disposti a un metro di altezza dal terreno e sono molto più ampi rispetto alle gabbie tradizionali, non hanno una copertura e assicurano agli animali una qualità di vita migliore. I conigli possono fare piccoli salti, stare eretti sulle zampe posteriori, avere a disposizione materiale da rosicchiare, oltre a un piattaforma per nascondersi. Anche la densità di animali è minore rispetto alle gabbie tradizionali. Il problema è che questi conigli nel corso della loro esistenza, comunque, non calpestano mai un prato erboso e la dicitura “Aia più Libero. Allevato a terra”  pur essendo riconosciuta dal ministero dello Sviluppo economico, dall’associazione animalista Compassion in World Farming (CIWF Italia) e anche da un’associazione di consumatori, risulta palesemente falsa.

Conigli gabbia park
Conigli allevata in una gabbia benessere o recinto park su due livelli con materiale da rosicchiare a disposizione

La triste realtà è che in Italia la maggior parte dei conigli vivono in gabbie bicellulari con spazi decisamente ridotti e questa situazione dovrebbe evolvere, trasformando progressivamente le gabbie anguste in quelle di tipo benessere. Questo passaggio comporta maggiori oneri per le aziende, ma va nella direzione del benessere animale, un valore considerato importante dai consumatori italiani, che però devono essere disposti a pagare di più, come avviene già per le uova o per i polli.

Offrire un livello maggiore di benessere non si può perché i conigli non possono essere allevati a terra facilmente. Questi animali anche in campagna sono tenuti in gabbia a causa della scarsa socialità tra le famiglie e la facilità di contrarre malattie. Crescere centinaia di nuclei familiari in uno spazio libero a terra o in grandi capannoni è complicato. L’affollamento favorisce l’aggressività facendo innalzare in modo esagerato la mortalità. Non ci sono pubblicazioni ufficiali ma, secondo rilevazioni in campo, la mortalità passa dal 2-5% per gli animali cresciuti in gabbie piccole, all’8-10% se il recinto è più grande e ospita più famiglie (gabbie benessere), mentre può arrivare al 20-30% quando gli animali sono allevati tutti insieme a terra in libertà.

Per il consumatore il senso della frase “allevato a terra” sull’etichetta è chiaro, e non corrisponde certo alle modalità adottate negli allevamenti. Chi decide di pagare un prezzo maggiore per questa carne, pensando ai conigli che hanno vissuto razzolando felici sul terreno, viene ingannato.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Family chooses dairy products in shop

La guerra delle etichette nutrizionali: batteria contro semaforo. L’Italia in controtendenza rispetto all’Europa

Il governo italiano presenterà all’Ue un modello di etichette nutrizionali a batteria come controproposta all’etichetta …

7 Commenti

  1. Avatar

    Sarebbe interessante sapere anche quale sia l’associazione di consumatori che ha approvato la dicitura; in seconda battuta trovo deludente il fatto che anche CIWF abbia avallato questo “falso”.

  2. Avatar

    Corretto che si sia intervenuti. Io stesso, che pure da piccolo sono vissuto in campagna ed avevo i conigli (deliziosi, in tutti i sensi: come animali e come alimenti) con “allevati a terra” pensavo ad altra cosa. Detto questo, una volta che il consumatore è informato, utilizzare la dizione “allevate in gabbie benessere” potrà comunque dare un vantaggio competitivo legittimo a chi le utilizza

  3. Avatar

    faccio ammenda, non credevo una grande azienda potesse mentire così spudoratamente ma mi sbagliavo. Ottimo servizio

  4. Avatar

    Quest è l’informazione che ci piace davvero

  5. Avatar

    Scusate eh, ma l’affermazione iniziale dell’articolo è falsa. ESISTONO eccome i conigli allevati a terra. Vivo in Toscana e ci sono decine di allevamenti, penso che sia lo stesso in tutte le parti d’Italia. forse nella GRANDE distribuzione “non esistono conigli allevati a terra” . Ma anche qui generalizzare sarebbe un danno per le poche aziende che invece lo fanno davvero. Se poi parlate di marchi industriali, Aia e dintorni, allora ok.

    Ma criminalizzare l’intera produzione di conigli , e TUTTI gli allevamenti, è una fakenews.

    Esistono anche polli e galline allevati a terra, esistono mucche che vengono munte a mano. Esistono eccome tante cose. NON nella grande distribuzione, ovvio. Ma specificatelo meglio 🙂
    Altrimenti sarebbe come dire “NON esistono mele senza pesticidi”. ehm

  6. Avatar

    non ho mai mangiato carne di coniglio a prescindere dal metodo di allevamento.
    Se mangiassimo meno carne il mondo sarebbe migliore sia dal punto di vista ambientale che etico.