Home / Tecnologia e Test / Scarti delle arance: nuovo metodo del Cnr per recuperare oli essenziali, antiossidanti e pectine

Scarti delle arance: nuovo metodo del Cnr per recuperare oli essenziali, antiossidanti e pectine

Spremuta d arancia bucce pastazzoLa strada verso un sistema alimentare più sostenibile passa anche dal recupero e dalla valorizzazione degli scarti di produzione, come il pastazzo, cioè le bucce e i residui di polpa prodotti dall’industria dei succhi e delle spremute di arancia. E proprio il pastazzo è finito al centro delle ricerche dell’Istituto per la bioeconomia (Ibe) e dell’Istituto per lo studio dei materiali nanostrutturati (Ismn) del Cnr, che hanno sviluppato un nuovo metodo per estrarre da questo scarto oli essenziali, polifenoli antiossidanti e pectina.

Nello studio, pubblicato sulla rivista scientifica Processes, una soluzione di acqua e pastazzo è stata sottoposta a un processo chiamato cavitazione idrodinamica. Questa tecnica sfrutta variazioni di pressione capaci di formare in un liquido a una temperatura inferiore a quella di ebollizione delle bolle di vapore, che poi implodono. Al momento del collasso, in queste bolle si creano degli hot spot estremamente reattivi, con temperature localmente elevatissime, onde di pressione e getti idraulici. Tutto ciò, spiega Francesco Meneguzzo dell’Ibe-Cnr, è in grado di “intensificare una serie di processi fisici, chimici e biochimici, in modo efficiente e ‘verde’”, quindi senza l’uso di alcun solvente chimico.

L’esperienza col pastazzo d’arancia conferma che i metodi di estrazione di composti bioattivi basati su processi di cavitazione idrodinamica si stanno dimostrando i più efficienti, rapidi ed economici. – afferma sempre Meneguzzo, che spiega come “Un ulteriore valore aggiunto del processo utilizzato è che consente di preservare interamente la struttura e la funzionalità dei composti bioattivi, come i polifenoli e la pectina.

Lo smaltimento degli scarti della produzione del succo di arancia è costoso, e fino ad oggi il pastazzo è stato poco valorizzato dall’industria. Con questo metodo, invece, si possono recuperare sostanze che hanno un grande valore alimentare, nutrizionale e farmaceutico. I residui del processo di cavitazione, ricchi di cellulosa ed emicellulosa, una volta polverizzati, possono poi essere avviati alla produzione di biometano.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

uova fresche cestino

Uova cruelty free: in arrivo le “respeggt” ottenute senza sacrificare i pulcini maschi

Da qualche mese a Berlino si possono acquistare le respeggt, uova ottenute senza sacrificare i …