Home / Nutrizione / Diciture in etichetta: un quarto dei prodotti alimentari vanta proprietà nutrizionali o salutistiche. I risultati di CLYMBOL

Diciture in etichetta: un quarto dei prodotti alimentari vanta proprietà nutrizionali o salutistiche. I risultati di CLYMBOL

mela etichette 482324937
Lo studio ha evidenziato come il 26% dei prodotti abbia diciture nutrizionali o salutistiche

Trovare sulle etichette dei prodotti alimentari frasi come  “contribuisce al benessere del tuo intestino” oppure “per la salute delle tue ossa” o “favorisce la riduzione dei livelli di colesterolo” è abbastanza frequente. Uno studio pubblicato  dal gruppo di lavoro del progetto CLYMBOL (Role of health-related Claim and sYMBOLs in consumer behaviour) finanziato dalla Commissione Europea e coordinato da EUFIC*, ha analizzato la pervasività delle diciture  nutrizionali e salutistiche scoprendo che il  26% dei prodotti alimentari  venduti  in Europa ha un’indicazione  di questo tipo. Lo studio ha contabilizzato anche le etichette che riportano   dei  simboli e ha valutato l’effetto delle indicazioni  sul comportamento dei consumatori. La ricerca è stata condotta  in 5 paesi europei – Regno Unito, Germania, Paesi Bassi, Slovenia e Spagna – analizzando per ogni nazione 400 cibi e bevande analcoliche venduti in supermercati, discount e negozi.

wasa fibres
La presenza di un ingrediente dalle proprietà salutistiche, come le fibre, è specificata solo nel 4% dei casi

Il record delle diciture si trova nei prodotti venduti nel Regno Unito, con il 35% di claim nutrizionali o salutistici, una percentuale decisamente superiore alla media europea. Se invece analizziamo i singoli prodotti dividendoli secondo tre tipologie di claim, in testa ci sono quelli con diciture nutrizionali (21%), seguiti dall’11% di alimenti pubblicizzati come salutistici, mentre la presenza di un ingrediente di rilevanza salutistica come ad esempio le fibre, è segnalata solo nel 4% dei casi.

Se i conti non vi tornano è perché è diffusissimo il fenomeno delle diciture multiple. In media sono due anche se una confezione di dolci detiene il record con 13 scritte, c’è anche un prodotto per l’infanzia con 15 e addirittura 17 claim nutrizionali e salutistici per altri due destinati ai bambini.

Secondo lo studio circa un terzo dei claim sono collegati alla presenza di vitamine e minerali. Questo fatto non stupisce, se consideriamo la recente inchiesta di foodwatch, (organizzazione no profit che si batte per i diritti dei consumatori) che ha messo in luce come l’aggiunta di vitamine e minerali sia fatta per ragioni di marketing. In seconda posizione nella classifica (24%) troviamo informazioni relative ai grassi declinate in vari modi (da “contenuto di grassi inferiore a…” a “contiene omega 3”). A seguire il contenuto in zuccheri (12%) e in fibre (9%).

baby food
I cibi per la prima infanzia arrivano fino a 17 claim

I ricercatori ricordano che i prodotti con la maggior probabilità di vantare qualche proprietà sono i “cibi per specifici usi dietetici”, una categoria che comprende gli alimenti per la prima infanzia e i pasti sostitutivi con diciture salutistico-nutrizionali nel 90% dei casi. Nel settore dei prodotti di  largo consumo troviamo in testa alla classifica i cereali per la prima colazione e le bevande (40% circa dei casi), seguiti da latticini, oli vegetali e pesce.

Se il dato in sé è già interessante, perché permette di farsi un’idea dell’uso dei claim in un contesto europeo, resta da capire in che misura le affermazioni salutistico-nutrizionali influenzino le scelte dei consumatori al momento dell’acquisto. Questo aspetto sarà il focus della seconda parte del progetto. In attesa dei nuovi risultati va detto che se i riscontri saranno significativi le istituzioni europee potrebbero  rivedere la politica sino ad ora adottata per i profili nutrizionali.

(*) Eufic (European Food Information Council) è un’organizzazione no profit finanziata  dalle principali multinazionali del cibo (Abbott Nutrition, Bunge, Cargill, Cereal Partners, Coca-Cola, Dow Seeds, DSM Nutritional Products Europe Ltd., Ferrero, General Mills, Mondelēz Europe, Mars, Nestlé, PepsiCo, Pinar Et, Tereos, Ülker, Unilever) e dall’Unione Europea.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Supplements for sports omega in wooden spoons. Sport background. Healthy nutritional supplements. Sport, diet concept. Food supplement.

Integratori alimentari, quasi nessun effetto positivo sulla salute. L’ennesima conferma da uno studio americano

Quasi nessuna delle linee guida delle società medico-scientifiche lo consiglia, eppure moltissime persone assumono regolarmente …

3 Commenti

  1. Se la COOP ha deciso di togliere dagli scaffali i prodotti con olio di palma, che fine faranno ?

    • Roberto La Pira

      In alcuni punti vendita Coop continua a vendere le scorte. Dal 6 giugno è stata interrotta la produzione dei prodotti con le vecchie ricette e presto saranno già disponbili i primi 30 prodotti con le nuove ricette senza il palma

  2. Maurizio Esposito

    Non so se mi sto ripetendo ma va sempre ricordato: la forza dei consumatori se unità è potentissima. Grazie fattoalimentare.