Home / Etichette & Prodotti / Le chiacchiere di Carnevale: meglio fritte o al forno? Le calorie non cambiano il gusto sì

Le chiacchiere di Carnevale: meglio fritte o al forno? Le calorie non cambiano il gusto sì

Le chiacchiere sono il dolce tipico del Carnevale ma è meglio scegliere quelle cotte al forno “perché contengono meno calorie”. È questo il ragionamento che fanno molte persone quando arriva il momento di comprarle in pasticceria o al supermercato. La realtà è un po’ diversa, visto che tutte le chiacchiere vengono fritte e solo dopo, in alcuni casi, vengono anche rosolate al forno per infondere una consistenza biscottata. Alla fine il sapore è diverso però il contenuto di calorie è pressoché identico.

Alcune confezioni indicano chiaramente sull’etichetta il doppio trattamento “prodotto dolciario fritto e passato al forno”.

Un aspetto poco considerato riguarda il tipo di grassi utilizzati per la frittura. Spesso si tratta di oli vegetali e di margarine vegetali ricavate da grassi mediocre qualità come quelli di palma, palmisto, e altri oli sconsigliati dai nutrizionisti. Per rendersi conto della mediocre qualità di questi ingredienti basta ricordare che si tratta di oli non venduti in bottiglia nei supermercati. La cosa migliore è scegliere quelle fritte in oli di semi pregiati (girasole, mais) od oliva, controllando le etichette.

Esaminando la lista degli ingredienti dovremmo quindi trovare al primo posto la farina di frumento, seguita da un olio come quello di girasole o mais , burro, poi zucchero e uova. La presenza di un olio pregiato e del burro nell’impasto fanno la differenza.

chiacchiere
Questo marca indica sull’etichetta il doppio trattamento “prodotto dolciario fritto e passato al forno”.

Si tratta di due ingredienti che danno quel tocco di bontà e qualità non così banale nel prodotto industriale. Certo anche farina, zucchero e uova sono importanti, ma in questo caso la qualità è abbastanza standardizzata per tutti i prodotti industriali, anche perché i costi sono di questi ingredienti sono trascurabili rispetto alla materia grassa.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

miele che cola in un barattolo di vetro

La riscoperta del miele grazie alla pandemia: crescono le vendite e cambiano i consumatori

Crescono i consumi di miele nel 2020, grazie alle giovani famiglie che, complice la pandemia, …

Un commento

  1. Avatar

    Per le fritture olii pregiati non sono olio di( girasole e mais) ma( olio extra vergine ed arachide.)