Home / Etichette & Prodotti / Cheerios: 7,2 g di zucchero in una porzione di cereali da 30 g. Bilancia o porzione ad occhio?

Cheerios: 7,2 g di zucchero in una porzione di cereali da 30 g. Bilancia o porzione ad occhio?

cereali cheerios zucchero zolletteI cereali da prima colazione sono tra i prodotti che occupano più spazio nelle corsie dei supermercati. Spesso ricchi di vitamine e minerali si dice siano capaci di sostenere al meglio per affrontare la giornata e dare la giusta carica per merenda: da soli, inzuppati nel latte o nello yogurt.

Nati alla fine del 1800 negli Stati Uniti come sostegno alla dieta vegetariana, in principio erano di pasta di mais trasformata in fiocchi e poi tostati. Oggi si ottengono per estrusione e gli abbinamenti dei cereali sono numerosi: con cioccolato in pezzi, frutta secca, frutti rossi o rivestiti di miele.

Ed è proprio considerando l’associazione tra miele e cereali che è venuto spontaneo pensare ai Cheerios e all’ape Buzz, la mascotte di queste ciambelline. Il packaging richiama al consumatore diversi elementi positivi quali “cereali integrali ingrediente n°1”, “ricco di fibre“, “con vitamine e minerali” e il miele “delizioso“. I Cheerios sono composti al 74,3% da frumento e farine integrali, contengono il 24% di zuccheri (derivati da zucchero, miele e dallo sciroppo di zucchero di canna parzialmente invertito) e sono fortificati con vitamine e minerali. I cereali integrali costituiscono un apporto di fibre pari al 7,4% mentre il miele compone solamente il 3,8% del prodotto. Lo zucchero aggiunto, considerando la porzione suggerita di 30 grammi, corrisponde a 7,2 g, circa 1,5 zollette da 5 grammi.

L’etichetta a semaforo Nutri-Score assegna ai Cheerios il colore giallo, indicandoli come validi al consumo senza però esagerare. I cereali da prima colazione sono un ottimo esempio per l’utilizzo del Nutri-Score data la vasta offerta, utile quindi al consumatore per poter scegliere mettendoli a confronto.nutriscore cLo zucchero aggiunto ai prodotti alimentari è considerato una delle cause di obesità. Per l’OMS gli zuccheri semplici aggiunti (*) non dovrebbero superare il 10% delle calorie giornaliere, circa 50 g per una dieta di 2.000 kcal. Data la varietà di questi prodotti la Nestlé specifica la quantità delle diverse porzioni nel sito. I Cheerios risultano perciò un buon prodotto se la porzione è rispettata. E tu, li pesi i cereali?

(*) Gli zuccheri aggiunti o zuccheri liberi sono quelli contenuti in alimenti e bevande zuccherate, miele, sciroppi, succhi di frutta da concentrato, e succhi/spremute/centrifughe/estratti anche 100% di frutta.

© Riproduzione riservata

  Simone Finotello

Simone Finotello

Guarda qui

Funghi tutte le regole da sapere per evitare avvelenamenti, dalla raccolta al consumo elaborate dal Centro Antiveleni di Niguarda

  La raccolta e il consumo dei funghi freschi fanno parte della nostra tradizione culinaria. Non tutti …

2 Commenti

  1. Avatar
    Orazio Zingaro

    Ma il Nutriscore viene calcolato sulla quantità standard di 100 g/ml? O sulla dose di consumo suggerita dal produttore? O sulla quantità unitaria di prodotto per confezione (es.: 330 ml per le bottiglie piccole di birra)?

    • Simone Finotello
      Simone Finotello

      Il calcolo del Nutri-Score è sempre effettuato sulla quantità di 100 g o 100 ml di prodotto.