;
Home / Supermercato / Gli italiani e la spesa nei supermercati: l’identikit del consumatore moderno secondo una ricerca del Censis

Gli italiani e la spesa nei supermercati: l’identikit del consumatore moderno secondo una ricerca del Censis

supermercati
La ricerca del Censis delinea il profilo del nuovo consumatore

Infedele, iperinformato, pronto a condividere le proprie esperienze di consumo con gli altri, attento al prezzo, ma anche alla qualità: ecco in estrema sintesi qual è l’identikit del nuovo consumatore secondo la ricerca del Censis “Lo sviluppo italiano e il ruolo sociale della distribuzione moderna organizzata”. Lo studio evidenzia come la distribuzione moderna organizzata (Dmo), ovvero super e ipermercati e altri format restano il luogo preferito dagli italiani per fare acquisti, soprattutto gli alimentari (sono 45 milioni quelli che fanno abitualmente la spesa in questi punti vendita).

A partire dal 2008, negli anni difficili, supermercati ed ipermercati sono stati l’ancora di salvezza di tanti cittadini, garantendo un’offerta articolata e sostenibile. Adesso ci sono segnali di ripresa: il potere d’acquisto delle famiglie nel primo trimestre 2017 ha raggiunto il valore più alto dal 2012, ed è aumentato rispetto al trimestre precedente dello 0,8%. La spesa torna a crescere, ma il consumatore esce dalla crisi molto cambiato.

supermercati
Il 60,3% degli italiani è infedele sia al punto vendita sia all’insegna della catena e acquista dove più conviene

Aumentano i cosiddetti “infedeli”, cioè coloro che non hanno singoli punti vendita di riferimento o insegne della Dmo a cui si rivolgono sempre. Il 60% degli italiani fa ormai la spesa dove più conviene. Il nuovo consumatore è anche iperinformato (31,7 milioni di italiani leggono i giudizi sui prodotti su social network e blog per decidere se e cosa acquistare). Anche il produttore ha a disposizione informazioni su esperienze di acquisto e di consumo (20,4 milioni di italiani postano commenti personali o raccontano proprie esperienze relative a prodotti, spese, ecc…). L’ultimo aspetto da considerare è l’abbinamento da parte del consumatore dei vari strumenti informativi come i volantini cartacei e le app sugli smartphone.

La grande distribuzione accontenta tutti e lo fa per diverse ragioni. Innanzitutto per la convenienza, visto che il 91% degli italiani (il 95% tra le persone a basso reddito) ritiene importante fare la spesa in punti vendita dove è possibile mantenere il proprio tenore di vita (che per il 26% sarebbe crollato in questi anni di crisi). C’è poi l’aspetto dell’assortimento: nei supermercati l’offerta è ampia e incontra le esigenze di consumi salutisti, etici e di qualità: 46,1 milioni di italiani (17 milioni regolarmente) acquistano prodotti Dop e Igp, 39,8 milioni (13,5 milioni regolarmente) gli alimenti biologici (carne, frutta e verdura), 38,6 milioni (9,4 milioni con regolarità) i beni alimentari del commercio equo e solidale, 25 milioni (8,7 milioni in modo costante) prodotti per particolari esigenze (senza glutine o per l’infanzia) e 31,7 milioni (5,9 milioni regolarmente) quelli etnici. Non mancano i prodotti di gamma medio-alta, come vini e formaggi pregiati che vengono acquistati da 42,2 milioni di italiani (12,9 milioni regolarmente).

supermercati
La forza della Dmo è la possibilità di acquistare sia tramite web, sia in modo tradizionale o di combinare entrambi gli aspetti

Secondo i dati del Censis, sono 30,5 milioni gli italiani (8,8 milioni regolarmente) che nell’ultimo anno hanno visto o controllato la presenza di un prodotto nei negozi tradizionali, e poi lo hanno acquistato sul web e 19,6 milioni (5,4 milioni regolarmente) quelli che hanno ordinato prodotti tramite il web e poi li hanno ritirati presso il punto vendita. 14,4 milioni (5,7 milioni regolarmente) hanno invece scelto di farsi consegnare la spesa a casa dopo averla ordinata per telefono o sul web. Questi numeri indicano una sapiente combinazione di fisico e virtuale che fa saltare il vecchio schema di acquisto presso i negozi tradizionali.

I supermercati fisici non spariranno, ma più probabilmente si evolveranno per accontentare le richieste crescenti degli acquirenti. Secondo gli italiani, nel punto vendita del futuro, non dovrebbero mancare nuovi prodotti e servizi a prezzi competitivi (farmaci, carburanti, polizze assicurative: richiesti dal 44%), coupon personalizzati da scontare subito alla cassa (42%), personale preparato e disponibile che aiuti a capire e scegliere velocemente (33%), modalità più rapide e semplici di pagamento (29%), orari di apertura più flessibili e prolungati (sera tardi, domeniche, festivi: 26%), offerte personalizzate recapitate in tempo reale sullo smartphone (21%), disponibilità di servizi utili (posta, banca, lavanderia: 21%). Immancabile anche il wi-fi secondo il 18% degli italiani.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Clara Gasparri

Avatar

Guarda qui

commissione europea unione europea

Supermercati, pratiche commerciali sleali. La Commissione avvia procedure di infrazione verso 16 Stati tra cui l’Italia

La Commissione europea ha avviato procedure d’infrazione nei confronti di 12 Stati membri per il …

Un commento

  1. Avatar

    Per quel che mi riguarda sono sicuramente informato, attento alla qualità ed anche al prezzo (in quest’ordine); dato che per l’appunto oltre al prezzo basso c’è di più, come raccontavo a suo tempo sul Blog condividendo 😉 le mie esperienze d’acquisto, va da sè che l’infedeltà è relativa dato che i supermercati migliori dal punto di vista etico sono gli stessi che hanno un minore assortimento, per cui è necessario integrare la spesa con incursioni mirate in altri punti vendita. Da parte mia metto Unes al primo posto, seguito secondo le necessità da Esselunga e Coop ed infine Naturasì che obiettivamente a parità di prodotto è veramente caro.