La catena di supermercati Carrefour dopo avere smesso di vendere il 4 gennaio 2024  i prodotti della multinazionale PepsiCo nei punti vendita francesi, ha esteso l’iniziativa anche ai supermercati Italiani e in quelli situati in Belgio e Spagna.

Vuol dire che sugli scaffali dei Carrefour italiani i consumatori non troveranno più articoli come i cereali per la colazione Quaker Oats,  il tè Lipton, le patatine Lay’s, oltre alle bottiglie di Pepsi Cola, 7 Up e Gatorade. Carrefour che conta oltre 12 mila supermercati in 30 Paesi, ha adottato questa scelta molto forte nei confronti della Multinazionale  PepsiCo che da mesi richiede aumenti ingiustificati dei listini. Abbiamo fatto un sopralluogo e in effetti nei punti vendita Carrefour  non sono presenti sugli scaffali i prodotti di PepsiCo che in Italia sono prodotti dall’azienda imbottigliatrice  dell’acqua minerale San Benedetto. Anche nella sezione vendita online del sito italiano i prodotti sono scomparsi .

Carrefour Francia
Cartello apparso nei supermercati  francesi Carrefour

Carrefour ha posto nei supermercati francesi un cartello (vedi foto) con la scritta : “Non vendiamo più questo marchio a causa di aumenti di prezzo inaccettabili”.  Secondo nostre fonti un analogo cartello verrà esposto sugli scaffali dei supermercati italiani.

Il motivo è che la multinazionale  negli ultimi anni ha aumentato in modo esagerato i prezzi  registrando un costante incremento dei profitti. Il Financial Times in una nota del 5 gennaio rileva che PepsiCo ha alzato le previsioni di profitti di tre volte nel 2023 ed i prezzi dell’11% nel trimestre terminante a settembre.

 Sgrammatura per risparmiare

PepsiCo ha dichiarato l’intenzione di ridurre le dimensioni delle confezioni e il contenuto per contenere gli aumenti. La riduzione delle dimensioni e del contenuto del prodotto senza diminuire i prezzi potrebbe però configurarsi come una sgrammatura. Si tratta di una strategia che viene aspramente criticata dalle organizzazioni dei consumatori perché illude le persone quando fanno la spesa.

Shrinkflation Carrefour
Cartello sulla shrinkflation di Carrefour Francia

© Riproduzione riservata. Foto: Depositphotos

Siamo un sito di giornalisti indipendenti senza un editore e senza conflitti di interesse. Da 13 anni ci occupiamo di alimenti, etichette, nutrizione, prezzi, allerte e sicurezza. L'accesso al sito è gratuito. Non accettiamo pubblicità di junk food, acqua minerale, bibite zuccherate, integratori, diete. Sostienici anche tu, basta un minuto.

Dona ora

 

 

 

 

5 2 voti
Vota
Iscriviti
Notificami
guest

9 Commenti
Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Dnidny
Dnidny
6 Gennaio 2024 12:54

Quindi Il Fatto Alimentare ha sgamato la sgrammatura? ​​​​​

riccardo
riccardo
8 Gennaio 2024 09:39

Quello che trovo strano è che le bibite della Pepsi, in Italia prodotti su licenza da San Benedetto, costano attualmente meno del principale concorrente, e leader sul mercato. Poi, verso il basso la competizione è nei confronti di prodotti a marchio della catenza che li commercializza. Il consolidamento della posizione, come secondo, pareva consolidata da tempo. Forse è in corso un cambiamento di strategia per riposizionarsi sul mercato.

Luca
Luca
9 Gennaio 2024 11:42

Scusate ma la stessa cosa la faranno anche con tutti gli altri produttori che aumentano i prezzi? nell’ultimo anno ci sono stati aumenti su praticamente tutti i prodotti… E ora il capro espiatorio è la Pepsi?
Comunque sia, la Pepsi non è monopolista, e non mi sembrano beni di primaria necessità: se il produttore decide di raddoppiare i prezzi secondo me dovrebbe essere libero di farlo, ovviamente i consumatori saranno altrettanto liberi di non acquistarli e di passare alla concorrenza.

Roberto La Pira
Reply to  Luca
9 Gennaio 2024 12:10

In genere la GDO fa la voce grossa con i piccolina fornitori , ma quando deve confrontarsi con le grandi aziende la questione cambia e i ruoli non sono così scontati. In ogni caso il Financial Times in una nota del 5 gennaio rileva che PepsiCo ha alzato le previsioni di profitti di tre volte nel 2023 ed i prezzi dell’11% nel trimestre terminante a settembre.

Beatrice
Beatrice
9 Gennaio 2024 13:13

Fa bene Carrefour e dovrebbero fare lo stesso tutti i distributori. Basta con questi aumenti ingiustificati di prezzo! Spesso i distributori penalizzano i piccoli produttori, mentre stanno zitti con le multinazionali…se è vero questa volta che un distributore alza la voce con un colosso ben venga!

sergio
sergio
10 Gennaio 2024 00:57

super, aspettiamo gli italiani

Roberto La Pira
Reply to  sergio
10 Gennaio 2024 10:14

In Italia Carrefour ha già bloccato le forniture e dovrebbe esporre i cartelli nei supermercati. Così ci è stato detto

Mario
Mario
10 Gennaio 2024 09:34

Scelta a mio parere bizzarra. C’è sotto qualcos’altro. Cosa importa al distributore se il produttore alza i prezzi? Ne venderà di conseguenza.

Marino
Marino
10 Gennaio 2024 11:21

Ottima scelta che andrebbe riprodotta da tutti gli altri supermercati. Eliminare merci vendute con costi elevati dai produttori o ricorrendo alle “sgrammature” per frenare gli acquirenti,e’ un modo per dissuadere dal commettere imbrogli.

9
0
Ci piacerebbe sapere che ne pensi, lascia un commento.x