Home / Tecnologia e Test / Caraffe filtranti: performance migliorate e problemi di sicurezza risolti. I risultati del test di Altroconsumo su 14 prodotti

Caraffe filtranti: performance migliorate e problemi di sicurezza risolti. I risultati del test di Altroconsumo su 14 prodotti

caraffa filtrante Filter jug acqua rubinettoLe caraffe filtranti migliorano le proprie performance di anno in anno. Lo certifica l’ultimo test di Altroconsumo, che ha portato in laboratorio 14 filtri di diversi marchi e le loro caraffe, valutando per ognuno di essi 25 parametri su quattro campioni di acqua raccolti in tempi diversi, per simulare il ciclo di vita delle cartucce. In totale sono state condotte ben 1.400 analisi, che spaziavano dalla riduzione durezza dell’acqua alla rimozione dei metalli pesanti.

Dal punto di vista della sicurezza, le caraffe filtranti sono migliorate molto nel corso degli anni, risolvendo alcuni dei problemi che le affliggevano in passato: non rilasciano più nitriti in concentrazioni oltre i limiti di legge ed è stato eliminato anche il rischio di proliferazione batterica, dato dalla riduzione del cloro nell’acqua e dalla presenza di componenti organici del filtro. Un altro composto che veniva rilasciato – e ancora accade – è l’ammonio, anche in quantità superiori ai limiti, ma Efsa ha rassicurato i consumatori spiegando che non si tratta comunque di quantità pericolose per la salute.

Buone notizie per chi ha troppo calcare nell’acqua del rubinetto: tutte le caraffe testate sono state in gradi di diminuire la durezza dell’acqua, alcune meglio delle altre. Alcune addirittura troppo, scendendo sotto la soglia dei 15°F (gradi francesi) di durezza stabilita dalla legge, come accade usando i prodotti a marchio Brita, azienda leader di mercato. Per quanto riguarda il cloro (o meglio i cloriti), usato durante la disinfezione dell’acqua in acquedotto, la migliore è risultata la caraffa tedesca Maunawai Kini, che l’ha eliminato completamente. Altre caraffe, invece, hanno ricevuto un giudizio insufficiente, come il prodotto a marchio Bodyform, che ha ricevuto una sola stella nel test del cloro.

Passando ai contaminanti, soltanto una caraffa è in grado di diminuire – di molto – la concentrazione dei nitrati nell’acqua: si tratta della già citata Maunawai, che abbatte il composto dell’85%. Lo stesso prodotto è in grado di ridurre del 55% la quantità di arsenico presente nelle acque, mentre gli altri filtri arrivano al massimo al 26%, e dell’80% il cromo, contro il 64% massimo delle altre caraffe. Piombo e nichel sono i metalli meglio rimossi da tutte i prodotti esaminati.

caraffa filtrante maunawai kini
Tra le caraffe filtranti testate, il prodotto migliore del test è Maunawai Kini

A giudicare dalle sue performance, non sorprende scoprire che la caraffa Maunawai Kini, nonostante il prezzo non certo economico (90 euro), sia stata incoronata come migliore del test: il prodotto si aggiudica il punteggio massimo di cinque stelle in tutte le categorie, tranne la proliferazione batterica (dove le stelle sono quattro), un risultato dovuto all’assenza di sistemi anti-batterici, ma comunque molto buono.

In seconda posizione si trova la caraffa Fill&enjoy Brita (24 euro), la cui qualità globale è stata giudicata ottima dal test di Altroconsumo, seguita dal migliore migliore acquisto del test, la caraffa Oria di Aqua Optima (29 euro). Per quest’ultimo prodotto sono disponibili due tipi di filtri, da 30 e 60 giorni: con i filtri di durata più lunga si risparmia, ma attenzione perché la capacità di filtrare i cloriti ne risente un po’.

Nessun prodotto è stato bocciato, ma quattro cartucce hanno ricevuto un giudizio medio. Si tratta della caraffa ViviVerde Coop, di quella a marchio Bodyform, del filtro refill Magnesium Mineralizer della Penguin BWT e della Aquapro Wessper, che hanno fatto registrare basse performance nell’eliminazione dei cloriti.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Nespresso tab caffè capsule

Il caffè in capsule? Ottimo secondo il test della rivista Il Salvagente. Ma le capsule sono ancora un problema per l’ambiente

Il Salvagente ha pubblicato un servizio sulle capsule di caffè evidenziando la buona qualità delle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *