Home / Nutrizione / Negli Stati Uniti in dieci anni è rimasto costante il consumo di caffeina per bambini e adolescenti: diminuisce la percentuale proveniente da bibite gassate, ma aumenta quella dal caffè e da energy drink

Negli Stati Uniti in dieci anni è rimasto costante il consumo di caffeina per bambini e adolescenti: diminuisce la percentuale proveniente da bibite gassate, ma aumenta quella dal caffè e da energy drink

energy drink lattine 153767348
Gli adolescenti consumano caffeina soprattutto da caffè ed energy drink. In calo la dose da bibite gasate

Tra il 1999 e il 2010, il consumo di caffeina tra i bambini e gli adolescenti americani è rimasto pressoché invariato, ma è cresciuta la percentuale proveniente dal caffè e dagli energy drink, mentre è calata quella proveniente dalle bibite frizzanti, il cui contributo è sceso dal 62% al 38%.

 

La percentuale di caffeina proveniente dal caffè è salita dal 10% a quasi il 24%, mentre quella proveniente dagli energy drink, che non esistevano come categoria all’inizio della ricerca, si assesta al 6%, raggiungendo il 10% nella fascia 19-22 anni. La caffeina proveniente dal tè, che è al primo posto tra i bambini, vede ridursi il suo ruolo col crescere dell’età.

 

caffè_173656749
La percentuale di caffeina proveniente dal caffè è salita dal 10% a quasi il 24%

Questi risultati sono il frutto di una ricerca pubblicata dalla rivista Pediatrics e guidata da Amy Branum, dei Centers for Disease Control and Prevention, che, a fronte delle diffuse preoccupazioni sul consumo di energy drink, quantifica per la prima volta le tendenze nell’assunzione di caffeina negli adolescenti statunitensi. Lo studio ha coinvolto ventiduemila persone tra i due e i ventidue anni.

 

I ricercatori fanno notare che anche se la percentuale di caffeina proveniente dagli energy drink risulta relativamente bassa, tuttavia è cresciuta rapidamente negli ultimi anni della ricerca ed è destinata a incrementarsi.

 

 

 Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

foto: photos.com

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

vitamina D

Vitamina D: è utile l’integrazione? Solo se c’è una carenza documentata. I consigli della nutrizionista

Vitamina D: è utile l’integrazione? A fare chiarezza su un argomento che ha riscosso crescente …