Home / Nutrizione / Biscotti più salutari (e antispreco) aggiungendo un pizzico di farina di bucce di banana all’impasto

Biscotti più salutari (e antispreco) aggiungendo un pizzico di farina di bucce di banana all’impasto

Donna sbuccia una banana in cucina davanti a un tagliere di legnoIl consumo di banane negli ultimi 20 anni è cresciuto costantemente, come confermano i dati Fao sulla produzione, passata dai 70 milioni di tonnellate del 1999 ai 117 del 2019, e anche il consumo procapite ha raggiunto 12 chili all’anno. Questo enorme quantitativo di frutti è però associato a una quantità gigantesca di scarti, costituiti soprattutto dalle bucce, 36 milioni di tonnellate ogni anno che finiscono nei rifiuti. Eppure, quelle bucce sono in realtà ricchissime di sostanze preziose, come ha confermato un accurato studio pubblicato dai ricercatori della Universiti Malaysia Sabah nello scorso mese di maggio sul Journal of Functional Food, nel quale è stato analizzato il loro profilo nutrizionale. L’analisi ha mostrato che, oltre alle fibre, le bucce di banana contengono soprattutto magnesio e potassio, e antiossidanti quali i flavonoli e le catecolamine, che andrebbero sfruttati, dopo opportune lavorazioni, come supplementi nutrizionali o comunque come ingredienti alimentari perché capaci, per esempio, di contrastare l’ossidazione di alcuni grassi della carne. 

Un altro studio, pubblicato su Food Science and Technology, conferma questo suggerimento e dimostra come sia concretamente possibile metterlo in atto, con ottimi risultati. In questo caso i ricercatori della Aligarth Muslim University, in India, e dell’Università di Huston hanno sperimentato l’aggiunta di una farina ottenuta dalle bucce di banana per la preparazione di biscotti. Il risultato sono stati dolci ottimi, e preferibili a quelli realizzati con farina tradizionale perché dotati di molte qualità nutrizionali positive.

biscotti integrali
I ricercatori hanno realizzato dei biscotti sostituendo parte della farina di frumento nell’impasto con farina di bucce di banana

Nello specifico, gli autori hanno prodotto diverse miscele di farina, partendo da quella di grano e sostituendone il 7,5, 10, 12,5 e 15% con quella di buccia di banana, realizzata sbiancando le bucce, disidratandole e poi polverizzandole. Quindi hanno aggiunto acqua, burro, latte magro in polvere, zucchero e oli vegetali, e realizzato cinque campioni di biscotti tutti uguali, a parte le farine. I biscotti con la farina di banana sono risultati un po’ più scuri e meno morbidi degli altri, come atteso, vista la grande quantità di fibre presenti, ma più salutari, con meno grassi e proteine, e più antiossidanti. 

Secondo il panel di assaggio quelli più buoni sono risultati essere quelli con la concentrazione più bassa di farina di banana (7,5%). Ottimi anche gli esiti dei test sulla shelf life: i biscotti, lasciati per tre mesi a temperatura ambiente, si sono conservati bene, al punto da avere un sapore sovrapponibile a quello dei primi giorni, senza evidenti muffe o deterioramenti di altro tipo (grazie agli antiossidanti presenti).

Anche questa ‘prova sul campo’ conferma che buttare via la buccia delle banane nelle lavorazioni industriali così come nei ristoranti o in casa non è un gesto giustificabile, perché lo scarto può diventare una farina con diverse caratteristiche nutrizionali positive, sfruttabile per realizzare dolci dal gusto gradevole, e probabilmente non solo quelli.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos, AdobeStock

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

Una mano regge una manciata di capsule e compresse di integratori alimentari

Integratori alimentari, sono davvero utili per le funzioni cognitive e le patologie oculari?

Gli integratori alimentari negli ultimi anni hanno registrato un incredibile incremento delle vendite in farmacia e anche …

Un commento

  1. E con i pesticidi presenti nella buccia come la mettiamo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *