;
Home / Packaging / Bioplastica dalla cellulosa e acqua: un materiale innovativo dalla Germania

Bioplastica dalla cellulosa e acqua: un materiale innovativo dalla Germania

I ricercatori dell’Università di Gottinga, in Germania, hanno realizzato una nuova bioplastica dalle caratteristiche quasi ideali: ottenuta a partire dalla cellulosa, cioè dal polimero più presente in natura, richiede solo acqua a temperatura ambiente più una sostanza innocua, l’acido cinnamico, e può essere rimodellata in diverse dimensioni teoricamente all’infinito.

Come riferito su Nature Sustainability il risultato, chiamato cinnamato di cellulosa, è una membrana estremamente duttile, trasparente, molto resistente, con prestazioni che vanno anche oltre quelle di alcune delle più comuni plastiche derivate dagli idrocarburi, e può essere plasmata in 2 o 3 dimensioni semplicemente ricorrendo all’acqua, cioè immergendo la pellicola, dandole forma e poi facendola asciugare. In base ai test riportati, i prodotti così ottenuti mostrano di restare pressoché immutati per 16 mesi, anche se arrivano da materiale nel frattempo più volte rimodellato.

Il segreto di questa bioplastica è in un tipo di reazione chimica chiamata hydrosetting, che sfrutta le proprietà chimico-fisiche della cellulosa modificata con il cinnamato, e quelle delle interazioni con l’acqua. Oltre a essere riciclabile e a non utilizzare idrocarburi, inoltre, non consuma grandi quantità di energia nel momento della produzione, e anche questo la rende un composto dalle caratteristiche quasi ideali per un’infinità di potenziali applicazioni.

Del resto, la necessità di sviluppare e diffondere bioplastiche realmente eco-friendly è sempre più evidente, e diventa drammaticamente chiara quando si verificano situazioni come quella di Taiwan, di cui ha parlato un reportage della Reuters. Sull’isola, come in molti paesi del mondo, per lunghi mesi è stato vietato mangiare al ristorante e in certi periodi uscire, e questo ha dato un enorme impulso alla vendita online di cibo e di pasti pronti. Ma nonostante lì come altrove sia ormai vietata la vendita di stoviglie e strumenti monouso in plastica, i piccoli esercizi commerciali e i singoli ristoranti sono esentati dal rispetto di tali norme, e per questo hanno utilizzato un po’ di tutto. Il risultato è stato che, tra gennaio e maggio di quest’anno, solo nella capitale Taipei la quantità di plastiche da imballo e packaging alimentare gettate via è aumentata dell’85%, e quella di rifiuti definiti riciclabili di ogni tipo è passata dalle 7 tonnellate dell’anno scorso alle 10,7 tonnellate di quest’anno.

Tutto ciò rischia di far compiere un grave passo indietro a una città che, come altre, stava cercando di abbattere la quantità di imballi di plastica, anche perché ha alimentato un fenomenale business, che è cresciuto del 14% in pochi mesi. Se tutti i materiali monouso fosse già in bioplastica, totalmente riciclabile, la situazione sarebbe diversa e non ci si dovrebbe preoccupare di come raccoglierla e smaltirla.

© Riproduzione riservata. Foto: Stock.adobe.com e Uni-goettingen.de

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

vino solfiti

Vino: l’insostenibile pesantezza del vetro. Nel prossimo futuro bottiglie più leggere e vino in bag in box

La bottiglia in vetro è senza alcun dubbio il contenitore principe per il confezionamento del …

3 Commenti

  1. Avatar

    https://www.allchital.it/wp-content/uploads/2020/07/0206570_-_ACIDO-CINNAMICO_IT.pdf

    https://www.fishersci.it/store/msds?partNumber=11478123&productDescription=100GR+Cinnamic+acid%2C+99%2B%25%2C+technical&countryCode=IT&language=it

    E’ possibile avere qualche documento di riferimento sulle specifiche dell’acido cinnamico che attesti che è effettivamente innocuo perchè quello che si sa, ed è veramente poco, non sembra molto rassicurante…
    Da qualche parte ho letto che trattasi di “Sostanza o miscela non pericolosa secondo la regolamentazione (CE) N. 1272/2008.” ma le azioni che debbono seguire al contatto accidentale dell’A.C. con pelle, occhi e mucose mi sembrano paragonabili a quelle in caso di contatto con sostanze (molto) irritanti.

  2. Avatar

    C’è da chiedersi il consumo di acqua per la sua produzione…

  3. Avatar

    Comunque bisogna diminuire al massimo gli imballaggi, questo è un must, anche se in futuro potranno essere biologici, va lo stesso fatto e il trovare imballi compatibili, non ci deve esimere dal farlo.