;
Home / Recensioni & Eventi / Bilancio 2020: Il Fatto Alimentare sfiora 24 milioni di visualizzazioni (+41%) grazie ai nuovi lettori

Bilancio 2020: Il Fatto Alimentare sfiora 24 milioni di visualizzazioni (+41%) grazie ai nuovi lettori

il fatto alimentareIl Fatto Alimentare ha chiuso il 2020 con una crescita delle visualizzazioni del 41% (sfiorando quota 24 milioni di click), mentre gli utenti unici hanno superato 13,5 milioni. Si tratta di un traguardo importante, in parte dovuto alle notizie sul Coronavirus e sulla pandemia che abbiamo seguito attraverso i comunicati dell’Istituto superiore di sanità, del ministero della Salute, del Mario Negri e di altre fonti accreditate.

Resta confermato l’interesse  dei lettori verso  articoli, test e notizie estrapolati dagli studi degli Istituti di ricerca italiani e dagli Istituti zooprofilattici, oltre che dalle università italiane e straniere. Diciamo pure che, a fronte di un anno purtroppo caratterizzato da molte notizie sul Covid 19, non è venuto meno l’interesse da parte dei lettori verso la sicurezza alimentare, i prodotti e le etichette. Questo indica un’attenzione costante verso tematiche collegate alla realtà quotidiana e al cibo comprato al supermercato. Una prova si ha osservando gli oltre 230 richiami che abbiamo segnalato nel 2020 e che hanno determinato il ritiro dal mercato di oltre 300 prodotti, per non parlare di decine di pubblicità ingannevoli censurate dal Giurì dell’autodisciplina pubblicitaria o dall’Antitrust.

Il fatto alimentare sfiora 24 milioni visualizzazioni nel 2020

Il nostro intento è continuare in questa direzione avvalendoci dei pareri e del supporto di specialisti dei vari settori  e, soprattutto, del contributo dei nostri sempre più numerosi lettori e sostenitori.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

tonno pesca peschereccio

Proteggere il 30% degli oceani dalla pesca industriale: la petizione dei registi di Seaspiracy ai leader globali

In Italia ci sono 32 aree marine protette, che rappresentano meno del 10% dei nostri …