Home / Etichette & Prodotti / Bevande zuccherate in Europa: secondo Eurostat il 14% dei giovani le consuma giornalmente

Bevande zuccherate in Europa: secondo Eurostat il 14% dei giovani le consuma giornalmente

Bevande zuccherateSecondo un nuovo report di Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea, un cittadino su dieci, di età superiore ai 15 anni, beve bevande analcoliche zuccherate “almeno una volta al giorno”, il 6% dichiara un consumo di 4-6 volte a settimana e il 19% le beve 1-3 volte a settimana. Il 66% degli europei dichiara invece di non berle mai o con frequenza occasionale. Il dato preoccupante è che il consumo più frequente si registra tra i giovani, in particolare nella fascia di età dai 15 ai 24 anni, di cui il 14% dichiara un consumo giornaliero di soft drink zuccherati, mentre per le fasce di età successive, 25-34 anni e 35-44 anni, la percentuale è superiore al 10%.

Salendo con l’età invece il consumo di questi prodotti si riduce, registrando con gli over 65 la quota più bassa di assunzione quotidiana, pari a circa il 5%. I dati di Eurostat evidenziano anche una differenza di genere che vede una maggiore diffusione fra gli uomini (12%) rispetto alle donne (7%).

Le diverse percentuali di consumo non variano solo in base all’età e al genere ma anche in relazione al Paese europeo preso in considerazione. Secondo il report, la percentuale dei cittadini che consumano bevande analcoliche zuccherate almeno una volta al giorno è più alta in Belgio (20%), seguita da Malta, Germania, Ungheria, Polonia e Bulgaria (tutte a circa il 12%). In fondo alla classifica troviamo l’Estonia (2%), preceduta da Lituania, Finlandia, Lettonia e Romania (tutte intorno al 3%). Anche l’Italia si colloca nella fascia bassa di questa classifica, sotto la media europea.

Ricordiamo che diversi studi hanno dimostrato che il consumo abituale di queste bevande aumenta il rischio di sviluppare patologie dell’apparato cardiovascolare, diabete di tipo 2 e carie, e dovrebbe quindi essere occasionale, privilegiando sempre l’acqua durante i pasti.

© Riproduzione riservata

Da 12 anni ilfattoalimentare racconta con i suoi articoli cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.
Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo perché in rete tutte le persone hanno il diritto ad avere un'informazione libera e di qualità, senza il vincolo di dovere pagare. Tutto ciò è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza la necessità di farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Valeria Nardi

Giornalista

Guarda qui

birra, boccale su tavolo di legno rustico, illuminato dal sole

Birre in lattina: ora sono anche artigianali, creative e, sempre più spesso, persino ‘impegnate’

Artigianalità, consumo domestico e sostenibilità ambientale sono le direttrici che stanno guidando la rivoluzione in …