Home / Etichette & Prodotti / Il rapporto Barilla 2010 oltre alla svolta "green", rivela che più della metà del grano duro (di qualità) è importata

Il rapporto Barilla 2010 oltre alla svolta "green", rivela che più della metà del grano duro (di qualità) è importata

Barilla punta sulle produzioni sostenibili per attirare l’attenzione dei consumatori. È quanto emerge dal rapporto di sostenibilità 2010 presentato poche settimane fa dall’azienda di Parma che evidenzia l’impegno a favore dell’ambiente e della qualità nutrizionale dei prodotti.

Gli spaghetti

Ogni anno in Italia si macinano 5,5 -6 milioni di tonnellate di grano duro, ma solo 3,5-4 milioni vengono utilizzate per produrre pasta di qualità. Per sopperire alla mancanza di materia prima Barilla, importa dall’estero il 36% del grano duro (dati non definitivi 2011).

Le semole acquistate sul mercato nazionale rappresentano il 64% del totale e sono composte dal 50% di grano italiano, miscelato con grano francese, americano o canadese ad alto contenuto proteico. Una piccola parte del grano nazionale usato da Barilla deriva da contratti stipulati direttamente con le aziende agricole, che favoriscono la sostenibilità ambientale e garantiscono modalità di coltivazione, stoccaggio e un contenuto di proteine medio pari al 13,5%. Questa politica ha permesso di sostituire una parte del grano di alta qualità importato dagli Stati Uniti con l’Aureo, una varietà italiana con un valore di proteine del 14,5-15% in grado di competere con i migliori grani del mondo. Questa scelta locale permette una riduzione di circa 1.000 metri cubi di acqua per tonnellata di grano duro. Oltre a questi impegni bisogna ricordare le decisioni relative alla coltivazione sostenibile di grano tenero, segale e pomodoro.

La quantità di grano italiano è però destinata ad aumentare, grazie al progressivo miglioramento della qualità media e all’adozione da parte di altre aziende della “best practice” nei contratti integrati. Facendo bene i conti si arriva alla conclusione che l’Italia esporta il 50% circa della pasta prodotta, per cui il bilancio dell’import-export segna un +10% a favore del nostro paese.

Altri prodotti

Lo sforzo per diminuire il contenuto di sale, zuccheri e grassi è un’iniziativa meritoria, ma a volte risulta “debole”. Nel 2010, si legge nel rapporto, in 24 prodotti è stata ridotta la quantità di sale in «percentuale significativa», senza però fornire dati precisi, mentre in altri è stata aumentata la quantità di fibre o sono stati eliminati alcuni additivi.

Tutte queste iniziative per sostenere  un’immagine più sostenibile non sfuggono a qualche incidente di percorso, come la conferma della sentenza di pubblicità ingannevole per i prodotti Alixir.

Ci sono altri aspetti interessanti nel rapporto come la decisione, pur apprezzabile, di  utilizzare solo olio di palma proveniente da coltivazioni sostenibili. Questo elemento però conferma l’uso massiccio nei prodotti da forno di un olio con un profilo nutrizionale non proprio eccellente a svantaggio di grassi di qualità  come il burro o l’olio di oliva. Molto valide ci sembrano le altre iniziative a tutela dell’ambiente, come la riduzione del 15%  del consumo di acqua e un risparmio energetico del 3,7%. È stata ridotta anche la carbon footprint dei prodotti, abbassando del 15% le emissioni di CO2.  Si è lavorato molto sugli imballaggi, riducendo la quantità di carta cartone e pellicole plastiche e ottimizzando i sistemi di produzione e trasporto. La quota degli imballaggi riciclabili è salita al 94%, di cui un  40% derivato a sua volta da materiale riciclato.

Infine Barilla propone il progetto Home cooking pasta, un sistema per il risparmio energetico casalingo. La società leader degli spaghetti nel mondo dice che è possibile cuocere correttamente la pasta usando 0,8 litri di acqua per ogni etto, anziché 1 litro, con  una riduzione delle emissioni di CO2 del 5 %.

Paola Emilia Cicerone

 

Avatar

Guarda qui

SENZA GLUTINE CELIACHIA

“Senza glutine” la scritta che si trova sui prodotti più impensabili. Un lettore chiede se è lecito

Perché alcuni prodotti naturalmente privi di glutine presentano il claim “senza glutine”? Se lo chiede …

3 Commenti

  1. Avatar

    pasta Barilla con grano duro importato.
    Per fortuna alcuni prodotti alimentari vengono preparati impiegando materie prime provenienti dall’estero ! Sarei molto preoccupato che fosse il contrario, visto quello che quotidianamente viene scoperto sui gravi danni ambientali provocati da smaltimento illecito di amianto nelle cave lombarde, con conseguente inquinamento delle falde acquifere, problemi di inquinamento da smaltimento dei rifiuti in Campania. Come si fa a difendere il made in Italy o istituire il DOC o DOP o IGP quando i contadini irrigano i campi di mais con acqua inquinata da amianto o micotossine od altri veleni che vengono ingeriti dalle vacche da latte e si trasferiscono quindi nei formaggi che mangiamo ogni giorno. Ben vengano i formaggi della Baviera, ottenuti con impiego di materie prime certamente meno inquinati. Non è più ammissibile questa continua protezione nazionalistica, quando siamo ormai parte integrante di un sistema produttivo e finanziario europeo disciplinato da normative spesso sovra nazionali. Per esempio: perchè l’olio d’oliva è meglio se prodotto in Italia? L’olio greco (che è soggetto alle stesse norme dell’U.E. e costa la metà del nostro) non è ricavato dalla spremitura delle olive ?

  2. Avatar

    in merito a grano duro il lettore Nicola45 ignora forse che quello Pugliese e quasi privo di micotossine e metalli pesanti. Contaminazioni diffusamente presenti nei grani duri francesci, canadesi e americani.
    Non si faccia cattiva informazioni facendo leva su atti di criminalità che per fortuna rappresentano ben poco rispetto a quelle che sono le eccellenze dell’agricolura e dei prodotti alimentati italiani. Per i formaggi… beh , le mozzarelle blu non erano certo italiane. Tedesche ?

  3. Avatar

    Il Grano duro italiano non è sufficiente per la nostra nazione eppure lo esportiamo! Il più grande molino che rifornisce di semola la quasi totalità delle aziende italiane è Casillo SpA (corato) che importa tutto quello che può (io sono un rivenditore autorizzato). Barilla è cliente di Casillo. Quasi tutti i mulini, anche quelli locali, miscelano il nazionale con l’estero.
    Non so se i controlli e i limiti di legge siano gli stessi per tutti. Bisognerebbe fare chiarezze su quello che mangiamo anche se il presidente dell’Italmopa, il foggiano Sacco, non è della stessa idea (vedi intervista Striscia la notizia).