Home / Recensioni & Eventi / “Autenticità e frodi” della filiera agroalimentare: il seminario organizzato da CSQA

“Autenticità e frodi” della filiera agroalimentare: il seminario organizzato da CSQA

Il prossimo 24 ottobre si terrà a Bologna il seminario “Autenticità e frodi” organizzato da CSQA. Il seminario si pone l’obiettivo di affrontare la gestione della legalità e delle frodi dal punto di vista tecnico – legale.
La gestione delle frodi – e più in generale della legalità – nelle imprese agroalimentari e nella filiera che le caratterizza rappresenta una condizione sine qua non per la continuità operativa delle imprese stesse. – Si legge nella presentazione – Questo tema impatta non solo sugli aspetti penali e civili della proprietà e degli amministratori ma ha anche un impatto diretto sul mercato – sempre più attento ai temi etici –  sui criteri di valutazione delle imprese da parte degli stakeholder pubblici e privati.

Durante l’incontro si approfondiranno numerosi temi tra cui le diverse tipologie di frode della filiera e le novità introdotte dal regolamento 625/2017, la differenza tra chi ha responsabilità societarie e chi si occupa di “Qualità”. Il seminario, della durata di quattro ore, avrà un focus anche sulle norme volontarie per prevenire le frodi, la ISO 22380:2018 e il rapporto fra norme cogenti e norme volontarie. Seguiranno poi dibattito e conclusioni.
I relatori saranno Maria Chiara Ferrarese, Vice Direttore CSQA Certificazioni e Neva Monari, dello Studio Avvocati per l’impresa.
La partecipazione ha un costo di 50 euro + IVA.  Iscrizioni entro il 18 ottobre.

Il seminario si svolgerà all’Hotel Cosmopolitan Bologna – Via del Commercio Associato, 9 –  dalle ore 9.15 alle 13.00 del 24 ottobre 2019. Qui i dettagli e le modalità di iscrizione.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Preoccupati per l’ambiente ma golosi di carne, il profilo degli italiani nel nuovo Rapporto Coop

Pubblicato in questo giorni il nuovo Rapporto Coop che rivela consumi e stili di vita …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *