Home / Supermercato / Stop alle aste al doppio ribasso. Appello dell’associazione Terra! alla commissione del Senato

Stop alle aste al doppio ribasso. Appello dell’associazione Terra! alla commissione del Senato

Approvare subito la legge che vieta le aste al doppio ribasso sui prodotti alimentari. È l’appello lanciato oggi dall’associazione ambientalista Terra!, con una lettera aperta ai presidenti delle commissioni Bilancio e lavori pubblici del Senato. In seguito all’approvazione della Camera a larga maggioranza, il 27 giugno 2019, il disegno di legge è approdato a Palazzo Madama. Dopo oltre un anno, tuttavia, l’iter in Commissione non è ancora concluso e la plenaria non può votare sul testo. “Siamo consapevoli delle tante urgenze che le istituzioni sono chiamate ad affrontare in questo momento difficile – dichiara Fabio Ciconte, direttore di Terra! – ma riteniamo che l’agricoltura sia una di queste. Lo abbiamo visto durante la pandemia, quando l’aumento della domanda di beni alimentari insieme a un calo della manodopera ha destato grande preoccupazione e favorito il varo di una regolarizzazione dei lavoratori stranieri.

Tuttavia, anche in pieno lockdown ci siamo trovati denunciare alcune catene di discount che hanno continuato a comprare prodotti con pratiche sleali come le aste al ribasso. Lo sfruttamento dei braccianti e il caporalato, fenomeni che combattiamo da anni, nascono da tante dinamiche distorte fra cui lo schiacciamento dei prezzi imposto dalla grande distribuzione organizzata”. L’associazione invita attivisti e consumatori a scrivere ai presidenti delle due commissioni, Mauro Coltorti e Daniele Pesco, per sollecitare una conclusione dell’iter della legge sulle pratiche sleali.

© Riproduzione riservata

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Supermercati, a Milano si possono risparmiare più di 1.700 euro all’anno. La guida di Altroconsumo

Come ogni anno è arrivato il momento della celebre inchiesta sui supermercati di Altroconsumo. La classifica …

2 Commenti

  1. Avatar

    Sarebbe anche ora… ma anche senza arrivare al doppio ribasso. Si offre ad un prezzo e quello resta ed il prezzo non può essere imposto dall’acquirente, tanto meno se non è equo per entrambe le parti.

    Scrisse tempo fa un’economista: “La legge dell’equo negli scambi non consente di pagare poco e di ricevere molto, sarebbe assurdo. Se si tratta col più basso offerente è quindi prudente aggiungere qualcosa per il rischio, così facendo si può prendere qualcosa di meglio poi.”

  2. Avatar

    Perché continuare a scrivere/dire ‘alcune’? C’è solo una insegna che in Italia utilizza ancora le aste al doppio ribasso, e se ne vanta.
    Non faccio il nome, perché già un collega si è visto arrivare la diffida dagli avvocati dell’insegna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *