Home / Lettere / Assolatte interviene sulla bufala dei probiotici Danone che fanno ingrassare

Assolatte interviene sulla bufala dei probiotici Danone che fanno ingrassare

Gentile dottor La Pira ho visto il suo intervento sulla bufala dei probiotici che farebbero ingrassare, e la ringrazio per aver voluto chiarire i termini della vicenda. Le segnalo che la notizia fu immediatamente smentita dallo stesso ospedale (http://www.hugge.ch/_library/pdf/communique_octobre_2010.pdf). Come ha detto lei stesso, però, questo tipo di bufale – ennesimo uso cattivo del web – corre molto più veloce.

Massimo Forino, direttore di Assolatte (www.assolatte.it)

 

Il 15 ottobre 2010, la direzione degli Ospedali Universitari di Ginevra (attraverso la portavoce Séverine Hutin) si è dissociata con un comunicato ufficiale dalla catena di e-mail e dal video circolanti su Internet, firmata da una collaboratrice amministrativa dell’ospedale di Bellerive, che lasciava intendere che l’istituzione scientifica avesse messo in discussione i probiotici in generale e i prodotti Danone in particolare.

La direzione sottolinea che la collaboratrice stessa non ha alcuna formazione scientifica – e quindi titolo – per prendere posizione sul tema, che si è trattato di un’iniziativa individuale, e stigmatizza l’uso di una firma professionale per sostenerla. Gli Ospedali Universitari di Ginevra manifestano rincrescimento, «essendo interessati al rigore scientifico e alla salvaguardia della loro reputazione», e sottolineano come «non avrebbero mai preso parte a un dibattito scientifico di tale natura con queste modalità».

La morale? Più le leggende metropolitane sono esagerate, più sembrano verosimili. E, quindi, più vengono clccate in Internet. La Rete è una fonte preziosissima, e permette di conoscere in tempo reale le notizie, le scoperte scientifiche e le novità delle ricerche appena pubblicate. Purtroppo, come tutti gli strumenti preziosi, deve essere maneggiata con cura e delicatezza. Per altro, le istruzioni per l’uso potrebbero essere ridotte a una sola: farsi guidare dal buon senso.

 

Avatar

Guarda qui

Lidl: il burro Milbona va consumato entro due giorni! Le perplessità di un lettore e la risposta della catena che conferma

Il tema delle scadenze e di quanto realmente durino gli alimenti è sempre attuale. In …